Cava: "Boutique del pane in amministrazione speciale, dipendenti a casa"

Il funzionario designato ha contrattualizzato i lavoratori con vincoli part-time di 30 giorni, ha rinnovato due volte. Poi ha iniziato a licenziare i lavoratori, senza alcun ricorso agli ammortizzatori sociali, senza nessun esame congiunto con le organizzazioni sindacali

"La Boutique del pane in amministrazione speciale e i dipendenti a casa. Lo Stato non tutela i lavoratori”. Questa la denuncia della Conf.i.a.l., rappresentata dal segretario regionale della Campania Gianluici Barrese e dal segretario provinciale di Salerno Francesco Bellomo.          

La storia

“Stiamo assistendo i lavoratori in questa delicata fase – dichiara Barrese – tutto nasce da alcune vicende giudiziarie a seguito delle quali viene sequestrata l’attività  “la boutique del pane srl”, storica attività di Cava de' Tirreni, e nominato un amministratore giudiziario dal giudice. Il funzionario designato ha contrattualizzato i lavoratori con un vincolo a tempo determinato, part-time, di 30 giorni, rinnovandolo due volte. Totale di tre mesi di lavoro. Poi ha iniziato a licenziare i lavoratori, senza alcun ricorso agli ammortizzatori sociali,  senza nessun esame congiunto con le organizzazioni sindacali, e senza nemmeno dare preavviso ai lavoratori, che lamentano anche il mancato pagamento di quasi due mensilità, oltre al TFR ed ai ratei di tredicesima previsti dalla legge.”                                                                

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La protesta          

“Tutto questo è  inaccettabile – prosegue Bellomo – lo scopo dell’amministratore giudiziario è quello di garantire in primis i livelli  occupazionali ed il ciclo produttivo, cosa che non sembra interessare all’amministratore preposto. Auspichiamo che ritorni quanto prima sui suoi passi, garantendo il lavoro a questi dipendenti licenziati, mandati via senza una spiegazione, anche perché per molti di loro questo lavoro rappresentava l’unica fonte di sostentamento della propria famiglia”. “Abbiamo già allertato gli organi competenti – conclude Barrese – e siamo pronti a far valere i diritti di questi lavoratori anche per le vie legali se necessario.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Covid-19: 195 nuovi contagi di cui 21 casi di rientro, coppia positiva a Campagna

  • Contagi Covid in aumento, parla De Luca: "Ondata pericolosa in autunno"

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

  • Blitz antidroga a Scafati: 23 persone in carcere, 13 ai domiciliari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento