rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Cava de' Tirreni

Minacce e offese alla famiglia, poi irrompe in casa per rubare

I fatti sono collocati tra il 2015 e il 2106, a Cava de' Tirreni. Il padre, in special modo, era nel mirino del figlio, che in un'occasione fu anche aggredito all'interno di casa

Stalking nei riguardi dei genitori. E' accusato di una serie di reati un 39enne nocerino, mandato a giudizio dinanzi al giudice monocratico con le accuse di violazione di domicilio, tentata estorsione, furto aggravato e stalking. Ad essere presi di mira sarebbero stati i suoi genitori, insultati a più riprese per futili motivi. La coppia staccava il cellulare e lasciava per paura l'auto sotto casa, temendo un'aggressione da parte del loro figlio. I fatti sono collocati tra il 2015 e il 2106, a Cava de' Tirreni. Il padre, in special modo, era nel mirino del figlio, che in un'occasione fu anche aggredito all'interno di casa. Inoltre, i coniugi furono costretti a consegnare al figlio 15mila euro di assegni. Da quella stessa abitazione, l'uomo portò via due orologi d'oro, un assegno intestato all'azienda di famiglia, del valore di trentamila euro e le chiavi dell'ascensore. Per entrare in casa dei genitori, il 39enne forzò un lucchetto e danneggiò una parete, introducendosi all'interno contro la volontà della famiglia. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e offese alla famiglia, poi irrompe in casa per rubare

SalernoToday è in caricamento