menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava, morì cadendo dal terrazzo mentre aiutava un operaio: in 3 a processo

Aveva ordinato del Gpl ad uso domestico, ma quando provò a dare una mano con il trasferimento nei serbatoi, cadde dal tetto e morì. Per il decesso di un privato cittadino, Giuseppe Ferrara, tre persone finiscono a processo per omicidio colposo

Aveva ordinato del Gpl ad uso domestico, ma quando provò a dare una mano con il trasferimento nei serbatoi, cadde dal tetto e morì. Per il decesso di un privato cittadino, Giuseppe Ferrara, tre persone finiscono a processo per omicidio colposo. Due sono gli amministratori di una ditta, mentre il terzo è un operaio. I fatti risalgono ai primi giorni di marzo del 2017. L’uomo morì in ospedale il 2 marzo, dopo un breve ricovero in ospedale.

La dinamica

In qualità di committente, aveva ordinato il 13 febbraio di quello stesso anno, alla ditta in questione, due forniture di Gpl, comprensive di montaggio staffa, valvola e misuratore, che andavano consegnate presso la sua abitazione. Per la Procura di Nocera i due titolari della ditta e l’operaio, pur consapevoli della pericolosità dell’operazione, mostrarono negligenza, imprudenza ed imperizia. Il travaso di Gpl doveva finire in alcuni serbatoi posti su un terrazzamento ad un’altezza di circa tre metri. Il dipendente che stava recandosi presso il domicilio della vittima, un 40enne che era sul posto per assistere ai lavori, sollecitò l’uomo a fornire un piccolo supporto. Ferrara, dopo aver posizionato una scala in ferro per salire sul terrazzamento e reggere la pompa dell’autocisterna molto pesante, in attesa che arrivasse l’operaio, perse l’equilibrio e finì al suolo. La caduta gli provocò un grave trauma cranico. L’ambulanza che accorse sul posto lo trasferì all’ospedale di Nocera, ma il paziente morì dopo un breve ricovero. L’accusa che viene mossa ai tre è di omicidio colposo «in cooperazione». Responsabilità che vengono attribuite ai due amministratori della ditta, ma anche al dipendente. Quel tipo di lavoro avrebbe necessitato di una miglior preparazione, in virtù delle operazioni da svolgere. Ma l’operaio incaricato, nell’attesa di giungere sul posto, chiese alla vittima di fornire un supporto materiale. Un aiuto. Una circostanza che gli costò la vita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Rischio zona rossa in Campania: si riunisce l'Unità di Crisi

  • Cronaca

    Colta da malore durante un funerale: muore donna a Pisciotta

  • Cronaca

    Dramma a Cava, uomo precipita dal balcone e muore

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento