menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava de' Tirreni, "Lady Crack" a processo: l'inchiesta è sullo spaccio di cocaina

Così conosciuta negli ambienti della procura, fu arrestata perchè coinvolta in un giro di vendita di sostanze stupefacenti. Fu beccata in possesso di 17 grammi di cocaina suddivisi in ventotto singole dosi

La Procura chiede il processo con rito immediato per L.Z. , arrestata a marzo e detenuta da allora nel carcere di Fuorni. L'accusa è di spaccio di sostanze stupefacenti. “Lady crack”, così è conosciuta negli ambienti della procura, fu arrestata perchè coinvolta in un giro di vendita di sostanze stupefacenti. Di 53 anni e sorella di un noto pregiudicato di Cava, fu beccata in possesso di 17 grammi di cocaina suddivisi in ventotto singole dosi, con tre diverse cessioni agli atti del procedimento, ricostruite e finite nel fascicolo contro di lei. 

L'indagine


Il fratello fu coinvolto in un'inchiesta della Procura Antimafia di Salerno, poi arrestato con l'accusa di usura ed estorsione, aggravata dal metodo mafioso. In quella stessa indagine c'era finita anche L.Z. per un solo episodio di estorsione in concorso con il fratello. Il blitz antidroga era scattato il primo marzo, all’alba, intorno alle cinque nella frazione di Santa Lucia. signora era stata tratta in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Da tempo quella casa era attenzionata dalle forze dell'ordine, essendo state monitorate le frequentazioni al fine di acquisto di droga da parte di numerosi soggetti identificati quali consumatori. Nel 2001, nella sua abitazione era stata allestita la base di un'organizzazione di spaccio di cocaina che arrivava dal Sudamerica. Lei in quel frangente, secondo la Procura, si occupava dell’organizzazione, coordinando le operazioni per smerciare la droga ai diversi acquirenti in tutta la provincia di Salerno. In quel caso si trattava di cocaina purissima, importata da Caracas ed in genere dall’America del Sud, ma non solo, con l’acquisto di grosse partite di stupefacenti anche da altri trafficanti. Furono le intercettazioni - sempre per droga ma autorizzate per un'altra inchiesta - a portare alla scoperta del gruppo di traffico in cui fu coinvolta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento