menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

False cartelle per curare i pazienti in casa sua, medico rischia il processo

Per le accuse di falso in atto pubbilco e truffa rischia il processo un medico dell'UOS di Neuropsichiatria Infantile della sede Asl di Cava de' Tirreni

Falsi disturbi annotati nella documentazione sanitaria per invogliare i genitori dei pazienti a far curare i propri figli presso casa sua, con tanto di pagamento. Per le accuse di falso in atto pubbilco e truffa rischia il processo un medico dell'UOS di Neuropsichiatria Infantile della sede Asl di Cava de' Tirreni. Dal febbraio al novembre del 2018, il professionista avrebbe falsato cartelle cliniche e relazioni di dimissioni, inserendo "disturbi non congrui" alle condizioni di diversi pazienti, tutti minorenni

La richiesta di processo

Secondo la procura, avrebbe utilizzato anche le firme false di tre medici, invogliando poi i genitori a proseguire quel trattamento di "potenziamento cognitivo" per i propri figli presso la sua casa, a Pagani. Le accuse mosse dalla procura finiranno al vaglio del gip, che dovrà decidere se vi sono elementi per mandare la donna sotto processo, in dibattimento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento