Cronaca

Farmaci dopanti rubati e venduti a Cava, chiuso il processo "Movida"

Quattro assoluzioni ed una condanna ad 1 anno di reclusione, per cinque dei tredici coinvolti nell'indagine antidoping “Movida”, relativa a un giro di vendita illecita di anabolizzanti condotta dai carabinieri del Nas di Napoli

Quattro assoluzioni ed una condanna ad 1 anno di reclusione, con pena sospesa, per cinque dei tredici coinvolti nell'indagine antidoping “Movida”, relativa a un giro di vendita illecita di anabolizzanti condotta dai carabinieri del Nas di Napoli. Le accuse erano di ricettazione e possesso di farmaci proibiti. Il gruppo, secondo gli inquirenti, era dedito al traffico di anabolizzanti e farmaci proibiti; un nucleo, in particolare, coordinava l’approvvigionamento e la rivendita di sostanze dopanti. Molti degli indagati furono stralciati, con competenza diretta al tribunale di Napoli. A finire coinvolti furono anche due personal trainer che avrebbero predisposto le offerte rivolte ai clienti ed un farmacista, che aveva disponibilità delle sostanze. I prodotti proibiti erano costituiti da materiale ospedaliero tracciato e qualificato, di provenienza illecita. Tutto nacque da un malore di un atleta cavese, che aveva assunto anabolizzanti dopo essere stato seguito da un personal trainer.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Farmaci dopanti rubati e venduti a Cava, chiuso il processo "Movida"

SalernoToday è in caricamento