Hashish, cocaina e marijuana in casa, condanna definitiva per 54enne di Cava

L'imputata aveva fatto ricorso in Cassazione, sollevando errori tecnici e procedurali nella sentenza della Corte d'Appello. Ma i giudici della Suprema Corte hanno dichiarato il ricorso inammissibile

E' stata confermata la condanna a 2 anni e 10 mesi per una donna di Cava, classe 66, giudicata colpevole per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. L'imputata aveva fatto ricorso in Cassazione, sollevando - attraverso la sua difesa - errori tecnici e procedurali nella sentenza della Corte d'Appello. Ma i giudici della Suprema Corte hanno dichiarato il ricorso inammissibile, confermando di fatto la pena in secondo grado. 

Le accuse

La donna fu trovata in possesso di diversi tipi di droga, comprendenti 21 grammi di cocaina, 72 grammi di hashish e 1,5 grammi di marijuana all’interno della sua abitazione. La destinazione dello stupefacente era il mercato illecito, con la finalità di spaccio apparsa evidente per le modalità di occultamento e i diversi posti in cui era celata in più punti della casa. I carabinieri trovarono anche due diversi bilancini necessari per preparazione, taglio e confezionamento delle singole dosi da mettere sul mercato. Infine, gli inquirenti sequestrarono anche 1235 euro in contanti, messi insieme da banconote di piccolo taglio. Quel denaro rappresentò ulteriore fonte di prova perché la donna non seppe giustificarne il possesso. I fatti risalgono al 21 settembre del 2017, a Cava de’ Tirreni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento