Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Cava, senza casa e senza lavoro: Giovanni vive in auto, la storia

Una storia agghiacciante, quella di Giovanni Di Mita, costretto a vivere in auto per scongiurare nuove aggressioni

Una storia agghiacciante, quella di Giovanni Di Mita, 37enne che, dopo aver incassato un licenziamento, uno sfratto ed innumerevoli maltrattamenti, è tornato a vivere in auto, soluzione estrema già adottata lo scorso anno. Da quando nel 2009 perse il lavoro, Giovanni non è più riuscito a sostenere le spese del fitto di casa a Cava: terminati i soldi della liquidazione, si è trovato solo e senza un tetto sulla testa.

Insieme alla sua cagnetta, unica a non averlo mai abbandonato, il 37enne è stato sistemato dal Comune della città metelliana in una comunitá cavese che accoglie gente con problemi di dipendenze e di giustizia, ai quali tuttavia lui risulta estraneo. Angherie ed ingiurie, rivolte a lui e alla sua cagnetta lo portarono già lo scorso anno ad abbandonare quel posto. "Mi basterebbe un’alternativa a quella comunitá, anche un piccolo garage come appoggio: ho bisogno di riacquisire la mia dignitá di uomo", disse allora Giovanni.

Dopo innumerevoli appelli di aiuto, il 37enne fu riaccompagnato in quella comunità: "Mi fece tornare l'assessore di Cava, accompagnandomi simbolicamente affinchè gli ospiti della struttura di recupero non mi puntassero quale facile bersaglio solo per la mia natura pacifica, come già successe - racconta il giovane - Ho tentato di sopravvivere in quel posto di nuovo, facendo in cambio dei lavori per accudire gli animali, ma davvero non ne posso più e sono tornato nella mia auto: un tossicodipendente mi ha aggredito di nuovo. Io non ho di questi problemi: possibile che per me non si trovi un altro alloggio?".

"Non so gestire situazioni di violenza - ribadisce disperato Giovanni - Non è giusto che mi costringano a convivere con persone che, viste le loro problematiche legate a droga e alcolismo, mi incutano timore e di certo rischiano di peggiorare la mia persona: chiedo con tutto il cuore un qualunque altro posto dove vivere dignitosamente: aiutatemi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cava, senza casa e senza lavoro: Giovanni vive in auto, la storia

SalernoToday è in caricamento