menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava, llinea dura del giudice: la badante violenta resta in carcere

Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l’arresto e la custodia cautelare in carcere come richiesto dal pm Amoruso per via delle prove raccolte finora dagli inquirenti che risulterebbero schiaccianti

Resterà in carcere la badante rumena di 53 anni che, lunedì scorso, è stata arrestata per maltrattamenti nei confronti dell’anziana ultranovantenne, residente a Cava de’ Tirreni, con la quale conviveva, affetta da una patologia invalidante.

Le violenze

Il giudice per le indagini preliminari, infatti, ha convalidato l’arresto e la custodia cautelare in carcere come richiesto dal pm Amoruso per via delle prove raccolte finora dagli inquirenti che risulterebbero schiaccianti. Le indagini sono partite a seguito di una segnalazione anonima alla locale tenenza dei carabinieri, i quali hanno subito installato delle telecamere all’interno della casa dell’anziana di 95 anni situata in viale Garibaldi. E così, dai filmati, sono emersi tutti i maltrattamenti e gli abusi messi in atto dalla badante. Infine il blitz con la reclusione in carcere.

IL VIDEO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento