menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza di gruppo nel centro massaggi a Cava: tutti assolti

I giudici della Corte d'Appello di Salerno hanno prosciolto da ogni accusa il titolare e altri due presunti "orchi" annullando le precedenti condanne in primo grado

Colpo di scena nel processo sulle presunte violenze sessuali di gruppo che si sarebbero verificate all’interno di un centro massaggi di Cava de’ Tirreni. La Corte d’Appello di Salerno, infatti, ha assolto perché “il fatto non sussiste” il titolare, G. A ed altre due persone, S.U e S.C, dall’accusa di violenza sessuale di gruppo consumata ai danni di un minore.

Le precedenti condanne

Un vero e proprio ribaltamento della sentenza di primo grado che aveva condannato a 9 anni e 8 mesi di reclusione e a pagare una provvisionale di 30mila euro a favore del ragazzo, all’epoca dei fatti 17enne, il massaggiatore metelliano. Stessa sorte anche per S. C. (8 anni) e S.U (6 anni e 8mesi). Determinanti per l’assoluzione la tesi e le prove portate avanti dai difensori del titolare del centro massaggi,  i quali hanno dimostrato come, dai tabulati telefonici, sarebbe emersa una ricostruzione ben diversa dei rapporti tra il loro assistito e il 17enne. E che, ad esempio, sarebbero state più le volte che il giovane si è messo in contatto con l’uomo e non il contrario. E che quest’ultimo – come acclarato da diversi testimoni – non fosse a conoscenza del fatto che il ragazzo era ancora minorenne quando avrebbe iniziato ad avere con lui rapporti sessuali fatti di palpeggiamenti e masturbazioni che - secondo la difesa degli imputati - sarebbero stati consenzienti. Ora l’uomo, che era ristretto agli arresti domiciliari, è tornato libero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento