Celle di Bulgheria, via libera all'abbattimento di un deposito agricolo

Nel mirino dei carabinieri forestali è finita una struttura irregolare situata in località Castagnola. Linea dura del direttore dell’Ente Romano Gregorio

Nuovi abusi edilizi nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Nel mirino dei carabinieri forestali è finita una struttura irregolare situata in località Castagnola nel comune di Celle di Bulgheria.

Il blitz

In particolare, i militari - riporta Ondanews - hanno scoperto l’installazione di un container adibito a deposito agricolo, collocato a terra senza realizzazione di opere edili e senza allacci elettrici, idrici e di scarico, con copertura in pannelli di ferro coibentati realizzato in un’area inserita nella perimetrazione definitiva del Parco Nazionale in assenza del necessario nulla osta concesso solitamente dall’Ente.

Il legale rappresentante dell’organismo di gestione dell’area naturale protetta quando viene esercitata un’attività in difformità dal piano, dal regolamento o dal nulla osta, dispone l’immediata sospensione dell’attività e ordina in ogni caso la riduzione in pristino o la ricostituzione di specie vegetali o animali a spese del trasgressore con la responsabilità solidale del committente, del titolare dell’impresa e del direttore dei lavori in caso di costruzione e trasformazione di opere. Il direttore dell’Ente, Romano Gregorio, ha ordinato la demolizione delle opere abusive e il ripristino dello stato dei luoghi entro 90 giorni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento