"Cena della libertà", tensione alla protesta dei commercianti di Salerno: arriva la Polizia

Nuovo sit in dei gestori dei locali della movida (e non solo) in Piazza Amendola per contestare le nuove normative disposte da Governo nazionale e Regione Campania

La protesta (Foto Antonio Capuano)

Nuova protesta dei commercianti salernitani contro le nuove restrizioni disposte da Governo nazionale e Regione Campania per i locali. In scena, questa sera, nella centralissima Piazza Amendola, “la cena della libertà” con tavoli e posti a sedere allestiti dai gestori dei locali della movida e dei commercianti. Ad organizzare l’iniziativa l’Associazione Commercianti per Salerno. 

La manifestazione

Nonostante l'avviso del sindaco Vincenzo Napoli sul numero dei partecipanti all’iniziativa, decine e decine di esercenti si sono ritrovati nel cuore della città.  “Viva la libertà”, “Chi non ha mai avuto fame non capisce il digiuno” alcuni degli slogan recitati  dai partecipanti.; diversi striscioni sotto stati affissi sotto Palazzo di Città ed uno recita: “La politica uccide più del Covid”. Qualche momento di tensione si è registrato, per motivi in corso di accertamento, tra alcuni commercianti, tanto da rendere necessario l’intervento della Polizia. Gli agenti sono intervenuti anche per la presenza di pizzette sul banchetto che, per le nuove normative anti-Covid, non si possono consumare stando uno accanto all'altro. 

Il consigliere Fabio Polverino:

Siamo vicini ai commercianti, ai ristoratori, a quanti stanno vivendo a causa del Covid, un momento difficile e complicato. Come amministrazione comunale abbiamo disposto il credito d'imposta per le utenze non domestiche e quindi per le varie attività e PMI della nostra città. Abbiamo pensato di dare aiuti concreti pari a 3 milioni di euro con uno sgravio sulla tassa( tramite credito d'imposta) per le varie categorie fino ad arrivare al 50% tramite i fondi derivanti dai progetti retrospettivi approvati dalla Regione Campania. Indubbiamente si poteva fare anche una scelta diversa, sospendendo la TARI ma tale tipo di provvedimento sposta solo poco in là nel tempo la tassa (ovvero da pagare a Febbraio o Marzo), in un periodo di tempo dove purtroppo, molto probabilmente, la pandemia sarà ancora fortemente presente con tutte le restrizioni alle attività economiche che abbiamo ora. L'intervento concreto di aiuti è quello che abbiamo scelto come Amministrazione, ovvero del credito d'imposta che non incide sugli equilibri, non fa aumentare il fondo crediti di dubbia esigibilità e tiene salvo gli investimenti in città. Questa soluzione ha consentito  di evitare di far gravare sul bilancio comunale oppure a carico prevalentemente   delle utenze domestiche il costo  delle agevolazioni in questione. Sempre in tema TARI abbiamo riaperto i termini per l'esenzione e la riduzione spostando il termine iniziale del 15 Settembre al 15 Novembre per essere ancora una volta vicini alle fasce più deboli.Altro problema  da superare è quello di non far gravare sugli altri contribuenti  il costo degli sgravi da riconoscere ai settori colpiti dalla pandemia,   stante l’obbligo previsto  di coprire interamente i costi del ciclo integrato dei rifiuti con le tariffe. Lo spirito degli aiuti/agevolazioni  è stato quello di aiutare chi ha subito nel periodo da marzo a settembre una riduzione dei propri  ricavi superiore al 30%.  Si è seguita la linea che troviamo nei decreti legge emessi nel corso di questo periodo. Non si ritiene che un differimento  generalizzato avrebbe  raggiunto  lo stesso risultato. Per l'amministrazione comunale questa prima iniziativa è da considerarsi come una sperimentazione da portare avanti nei prossimi anni e in  futuro potrà essere valorizzata, attivando  la  fiscalità di  vantaggio, in particolar modo per favorire gli investimenti e di conseguenza l'occupazione. Per quanti amano far demagogia politica e avanzare proposte poco sostenibili, bisogna dire che nell’approvare  i  provvedimenti in materia tributaria bisogna procedere con cautela in quanto la normativa che disciplina ogni singolo  tributo  non lascia molto spazio agli Enti locali per riconoscere agevolazioni, esenzioni ecc., al di fuori di quelle espressamente previste  nella legge stessa.  In ogni caso, qualsiasi determinazione venga messa in atto, la stessa inciderà sui bilanci futuri dell'Ente e quindi ogni misura adottata dal Comune deve essere ben ponderata anche in un'ottica futura. Una riflessione a parte, meritano i finanziamenti al Teatro Verdi. Dal dibattito tenutosi è emersa una cifra di 4 milioni, riferita al Teatro Verdi, alla quale è stata data un'interpretazione  che non rispecchia la realtà. L'importo in questione finanzia una molteplicità di interventi  e sono per la quasi integrità relative all'utilizzo di entrate a specifica destinazione soggette a rendicontazione, quali a titolo indicativo la pulizia eseguita da Salerno Pulita, la gestione della struttura eseguita da Salerno Solidale, le utenze, tutte le attività della stagione estiva presso l'Arena del mare ecc. ed infine, proprio la stagione teatrale presso il teatro Verdi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • De Luca sul Covid: "In Campania non si andrà nelle seconde case", poi annuncia i lavori a Salerno e Battipaglia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento