menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, la Giunta Caldoro stanzia otto milioni di euro per i centri di raccolta

Romano: "Un modello coerente con le direttive comunitarie che, grazie agli investimenti della Giunta Caldoro, sta consentendo alla Campania di superare la fase critica post-emergenza"

L’assessorato regionale all’Ambiente sono stati emanati 79 decreti di ammissione a finanziamento, per un importo complessivo di oltre 8 milioni di euro, per le iniziative dei comuni a sostegno della realizzazione e dell’ampliamento dei centri di raccolta dei rifiuti solidi urbani. I comuni della provincia di Salerno sono: Castel San Giorgio (175 mila euro), Castel San Lorenzo (99.053 mila euro), Cuccaro Vetere (46.532 mila euro), Laurino (99.474,48 euro), Omignano (98.560 mila euro) Sarno (300 mila euro), Tramonti (47.467,37 euro), Moio della Civitella (100 mila euro), Novi Velia (99.707,84 euro), Piaggine (47.293 euro), Stio (94.633 euro), Casaletto Spartano (100 mila euro), Battipaglia (99.440 euro), Casal Velino (86.408 euro), Caselle in Pittari (94.667,43 euro), Cicerale (50 mila euro), Laurito (47.346,90 euro), Roccagloriosa (50 mila euro), Scafati (83.516 euro), Siano (87.500 euro), Giffoni Sei Casali (74.890,52 euro), Fisciano (87.500 euro), Sapri (148.383,44 euro), San Marzano sul Sarno (174.859 euro), Castiglione dei Genovesi (96.580 euro), San Giovanni a Piro (49.136 euro).

Oltre i 79 decreti emanati e pubblicati altri due sono alla firma del responsabile operativo dell’obiettivo mentre per altri 8 si è ancora in attesa di riscontro alla richiesta di integrazioni e chiarimenti formulata in sede di istruttoria tecnica ai fini dell’ammissione a finanziamento.“E’ un ulteriore passo avanti verso l’implementazione di un efficace gestione dei rifiuti urbani – dichiara l’assessore Giovanni Romano – basata sul potenziamento della raccolta differenziata quale punto di partenza ineliminabile di una corretta gestione. Stiamo attuando il Piano Regionale, sostenendo i Comuni, unici enti competenti per legge a gestire il ciclo dei rifiuti, con investimenti finanziari consistenti. I Centri di raccolta ci aiuteranno ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata media regionale che oggi ha già superato il 50%. Inoltre, serviranno anche per favorire il passaggio dalla tassa alla tariffa per consentire ai cittadini di pagare di meno se differenziano di più. Un modello coerente con le direttive comunitarie che, grazie agli investimenti della Giunta Caldoro, sta consentendo alla nostra Regione di superare definitivamente la fase critica post-emergenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento