Ceraso paese dell'accoglienza: cittadinanza onoraria a 13 bimbi migranti

A uno a uno, dal più grande al più piccolo, i bambini hanno ricevuto la pergamena e il libro della Costituzione italiana dalle mani della vicesindaca Pamela Ferrara, che insieme al sindaco Gennaro Maione (Pd) ha avuto l'idea

Foto di repertorio

Il piccolo comune cilentano di Ceraso, 2650 abitanti, ha scelto di insignire con la cittadinanza onoraria tredici bambini immigrati, figli di sei famiglie arrivate qui dopo lo sbarco nel maggio 2017 a Salerno di un migliaio di profughi e accolte attraverso lo Sprar nella piccola cittadina. A uno a uno, dal più grande al più piccolo (che ha appena una settimana ed era in braccio alla mamma), i bambini hanno ricevuto la pergamena  e il libro della Costituzione italiana dalle mani della vicesindaca Pamela Ferrara, che insieme al sindaco Gennaro Maione (Pd) ha avuto l'idea. 

La cerimonia

Nel corso dell’iniziative Maione ha sottolineato come come in paese si sia creata “un’integrazione spontanea e naturale dei cittadini”, non essendoci stati “momenti di reazione”. Anzi, ci sono “atti quotidiani di solidarietà”.  Alla cerimonia era presente anche don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che ha lanciato un appello alla platea: "La cittadinanza onoraria è un gesto simbolico non garantisce alcun diritto. Ma voi mi insegnate che spesso nella storia sono stati gli atti simbolici ad aprire un varco al cambiamento. Sono convinto che da qui possano partire anche altri amministratori. Da Ceraso li invitiamo a dare la cittadinanza onoraria ai piccoli. Voi mi insegnate che la speranza per il domani poggia sulla resistenza dell'oggi”.

Il progetto

Il progetto Sprar prevede che gli extracomunitari prestino la loro attività per lavori sociali. “Le donne – ha spiegato il sindaco Maione - puliscono il Comune e gli edifici pubblici, gli uomini lavorano con gli operai nel Comune, nella sistemazione del verde pubblico, tinteggiano ringhiere, palizzate”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un salernitano in Cina: la testimonianza di Francesco Musto

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Caso sospetto di Coronavirus a Salerno: oggi l'esito dei test, l'ira del web per "l'imprudenza"

  • Lutto a Castellabate, muore il maresciallo dei vigili Vincenzo Cilento

  • Coronavirus, primo caso sospetto a Salerno: paziente trasferito al Cotugno

  • Coronavirus, due ragazze cilentane in quarantena

Torna su
SalernoToday è in caricamento