Casa di accoglienza a Cava: "avvertimenti" contro gli operatori, Emmaus chiude la struttura

La cooperativa sociale: "Ci sono pervenute diffide nelle quali venivamo rappresentati come portatori di rischi sanitari, emergenze per l’ordine pubblico e chissà cos’altro"

Dopo petizioni e "avvisi" di protesta  contro gli operatori di Emmaus che gestisce alcune comunità alloggio per donne maltrattate, gestanti e donne con bambini, chiude i battenti ancora prima di entrare nelle sue piene funzioni, la struttura di accoglienza aperta a  Cava de' Tirreni. Amara e chiara, la lettera della cooperativa sociale che ha spiegato, senza mezzi termini, l'accaduto.

Di seguito, il  testo della nota di Emmaus

Emmaus gestisce alcune comunità alloggio per donne maltrattate, gestanti e donne con bambini. Emmaus si occupa anche di adolescenti che, pur non presentando vulnerabilità sanitarie o giudiziarie, provengono da contesti di difficoltà economica, disagio sociale e povertà educativa. Alcuni di questi ragazzi, affidatici dal Settore Civile del Tribunale per i Minorenni o dai Servizi Sociali Territoriali, sono nostri ospiti all’interno di una struttura collocata in un contesto rurale privo di stimoli culturali e ricreativi, un luogo raggiungibile attraverso una
impervia strada di montagna che in inverno rimane talvolta isolata per le condizioni meteorologiche; pur trovandosi a pochi chilometri dal Capoluogo di Provincia, i mezzi pubblici sono rari durante i giorni feriali e completamente assenti la domenica e i festivi e in ogni caso impiegano circa un’ora per raggiungere il Centro di Salerno.

Per queste ragioni, molti di questi ragazzi sono stati trasferiti in appartamenti al centro di Salerno e questo trasferimento ha consentito loro di fruire di servizi idonei alla loro crescita psicofisica ed all’integrazione nel tessuto sociale. Visto il successo di queste iniziative, avevamo pensato di sperimentare una analoga soluzione in uno dei centri della provincia più belli e vivibili, ricco di storia, cultura ed occasioni di svago. E così la scorsa estate abbiamo preso in fitto un appartamento al centro di Cava dè Tirreni con l’intenzione di trasformarlo in una
confortevole abitazione in cui alcuni ragazzi, assistiti durante l’intero arco delle 24 ore da psicologi, educatori e assistenti sociali, potessero risolvere i traumi familiari subiti e allo stesso tempo potessero studiare, cercare lavoro, fare passeggiate, andare al cinema con l’auspicio che in un futuro, non molto lontano, potessero infine “farsi una propria vita”. Neanche il tempo di concretizzare questo sogno.. neanche il tempo di presentarsi all’amministrazione condominiale per rassicurare sull’assenza di particolari rischi per il contesto ospitante un progetto di tal fatta… neanche il tempo di chiedere l’aiuto del vicinato per far sentire questi giovani sfortunati come se stessero a casa loro… chè una vera e propria rivolta è stata fomentata da pochi individui che sicuramente non rappresentano la stragrande maggioranza dei cavesi la cui sensibilità e apertura all’altro ci sono ben note!

Ci sono pervenute diffide nelle quali venivamo rappresentati come portatori di rischi sanitari, emergenze per l’ordine pubblico e chissà cos’altro; i nostri ragazzi – che non erano stati ancora guardati in faccia da nessuno degli accusatori – venivano bollati come delinquenti, violenti e malati, inidonei a risiedere in un palazzo già abitato da bambini e anziani. Abbiamo cercato di parlare, di spiegare … abbiamo provato a chiedere sulla base di cosa si fosse stabilita l’incompatibilità tra i nostri ragazzi ed i loro, per quale ragione i nostri ospiti venissero visti come una minaccia per anziani e bambini … abbiamo trovato prima silenzio e poi chiusura, pregiudizi e ostilità, ripetiamo tutto ciò da parte di pochi ma pochi così rumorosi da spaventarci e farci riflettere prima di proseguire nel nostro progetto. La conflittualità ha raggiunto l’apice con una petizione popolare presentata al Comune per chiedere che non aprissimo la nostra comunità. Quando poi sono iniziati gli “avvertimenti” diretti e personali agli operatori di Emmaus che abitano a Cava…. abbiamo dovuto alzare le mani ed arrenderci Nessuna ipocrisia: Emmaus eroga servizi socioassistenziali che hanno un valore economico riconosciuto dallo Stato e dalle Sue Leggi, dalla Regione Campania e dai suoi Regolamenti, dai Servizi Sociali e dai loro Piani di Zona e ci avrebbe fatto piacere far vedere ad una Città che amiamo la qualità del nostro modo di lavorare, una qualità che – si perdoni il tono autoreferenziale – ci fa esistere da quasi quarant’anni indenni a climi politici, crisi economiche e aree di potere. Diciamo così: un’occasione mancata per noi ed un’occasione sprecata per la Città alla quale qualcuno ha impedito di mostrare la parte migliore di sé. Da ultimo un ringraziamento all’Amministrazione Comunale che ha ascoltato con attenzione le nostre istanze e alla quale continueremo a rivolgerci con fiducia e stima.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento