Angri, chiuso il campo da tennis perchè abusivo: parla il presidente della consulta per il Puc

De Vivo: "E' noto a tutti i cittadini che l'abnorme abusivismo edilizio dal dopo terremoto ad oggi, ha trasformato la nostra città in una città dormitorio scarna di servizi e strutture, mortificandone la vivibilità"

Mauri

Sigilli al campo da tennis di via Galvani, ad Angri: la struttura inaugurata dal sindaco Pasquale Mauri, come segnalato dall'opposizione, è risultata abusiva. "Non vorrei turbare la serenità dei festeggiamenti del Santo patrono San Giovanni Battista, ma mi vedo costretto ad intervenire in qualità di Presidente della Consulta per il Piano Urbanistico Comunale di Angri su di una questione molto delicata - ha osservato Christian De Vivo -  In questi anni ad Angri abbiamo osservato in silenzio la realizzazione di un parcheggio che non godeva dei permessi necessari per essere utilizzato come tale (quello del prolungamento di Corso Italia). Se abbiamo evitato di intervenire è stato perché ritenevamo che l'errore potesse essere corretto senza creare troppo disagio alla cittadinanza. Oggi però abbiamo notizia della realizzazione di una struttura sportiva (il campo da Tennis di Via Galvani) costruita addirittura abusivamente. Il tutto sotto gli occhi di una Amministrazione che da un lato non ha letto (?? ce lo chiediamo) le carte, ma dall'altro corre ad inaugurare queste strutture".

"E' sconcertante - continua -  che la stessa Istituzione che dovrebbe fare importantissime scelte per il futuro del nostro paese, dalla riqualificazione di intere aree degradate all'impedimento di ulteriori speculazioni edilizie all'interno delle zone industriali dismesse (in particolare nelle ex-MCM), non riesca a garantire ad oggi la regolarità neppure di interventi così semplici. E' noto a tutti i cittadini che l'abnorme abusivismo edilizio dal dopo
terremoto ad oggi, ha trasformato la nostra città in una città dormitorio scarna di servizi e strutture, mortificandone la vivibilità.
Nel lavoro che abbiamo svolto in questi anni come Consulta per il Piano Urbanistico Comunale, siamo riusciti a far approvare dal Consiglio Comunale un importante indirizzo strategico che impedisca la destinazione di ulteriore suolo all'edilizia abitativa, proprio per coprire il fabbisogno di servizi e strutture. Una piccolissima vittoria". Secondo quanto riferito dal presidente, "a circa quattro anni dal suo mandato, l'Amministrazione comunale però non ha ancora provveduto all'approvazione del nuovo Piano Urbanistico per motivi non ancora noti, ma che è giusto ormai ritenere che siano politici, e non tecnici. Non è nel ruolo della Consulta dover discutere di tali impedimenti, ma denunciarne i ritardi e le inosservanze sì", ha concluso.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento