rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Cava de' Tirreni

Chiusura della Rianimazione Cava: l'ira del comitato, interviene anche la Cgil

"Uno scempio senza fine", hanno commentato i Comitati Uniti di Cava Vietri Costa d'Amalfi, pronti a nuove proteste

Il 2021 si chiude con un'altra doccia gelata per i cittadini di Cava, a seguito del provvedimento che prevede nuovamente la chiusura del Reparto di Rianimazione nel Presidio Ospedaliero metelliano. La necessità dell'Azienda Ruggi è la copertura h24 di una guardia di rianimazione al Da Procida, dove sono state trasferite le attività di Pneumologia e Malattie Infettive Covid. "Uno scempio senza fine", hanno commentato i Comitati Uniti di Cava Vietri Costa d'Amalfi, pronti a nuove proteste.

Parla Antonio Capezzuto Segretario Generale della Funzione Pubblica Cgil Salerno

"Per l'ennesima volta si è deciso di privare Cava del personale della Rianimazione, costituito da 9 anestesisti, invece che immaginare turni a rotazione coinvolgendo tutti gli anestesisti presenti sui diversi plessi aziendali così da non determinare il blocco delle attività nel Presidio metelliano.
È l'ennesima sconfitta per il territorio e la dimostrazione che la politica locale non ha alcun potere e nessuna possibilità di frenare le scelte inadeguate dell'Azienda.

Dopo due anni di pandemia e battaglie per la riapertura della Rianimazione, oggi siamo punto e daccapo. Questa scelta potrebbe determinare definitivamente la morte del Presidio che a fatica in questi mesi aveva lavorato duramente per far tornare a regime le attività.
Se c'è ancora tempo per cambiare idea, ci sia l'impegno di tutti. Cava, i suoi cittadini e i suoi operatori sanitari, non meritano tutto questo"


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura della Rianimazione Cava: l'ira del comitato, interviene anche la Cgil

SalernoToday è in caricamento