Chiusura dei punti nascita di Sapri e Polla: l'allarme dei sindacati

Sulla vicenda è intervenuto anche il parlamentare e coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno Enzo Fasano: "La sanità in provincia di Salerno continua a essere mortificata a danno dei cittadini"

I sindacalisti Conte, Addesso ed Antonacchio

"Nel nuovo piano di programmazione della rete ospedaliera non ci sono i punti naschita di Polla e Sapri": a lanciare l'allarme sono Pasquale Addesso, Pietro Antonacchio e Lorenzo Conte, rispettivamente della Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl che spiegano: "Verrebbe da commentare: nulla di nuovo sotto il sole del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro. Sembra una banalità questa affermazione, ma per chi subisce sulla propria pelle questi fatti risulta essere di una drammatica evidenza, a cui occorre assolutamente e velocemente porre rimedio. Le comunità dei comprensori - continuano - devono mobilitarsi indignate per questo ulteriore esproprio che non tiene in nessun conto delle specificità territoriali del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro. Infatti le caratteristiche oro-geografiche e la difficile viabilità pongono a serio pericolo il percorso nascita, sia per le future mamme che per i nascituri, in termini di sicurezza e qualità dell’assistenza" concludono.

Il commento di Fasano

Sulla vicenda è intervenuto anche il parlamentare e coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno Enzo Fasano: "La sanità in provincia di Salerno continua a essere mortificata a danno dei cittadini. La chiusura dei punti nascita degli ospedali di Sapri e Polla costituisce l’ennesimo schiaffo a un territorio che ha già pagato tanto in termini di assistenza sanitaria. Le comunità del Cilento e del Vallo di Diano hanno già pagato un prezzo altissimo, non si può continuare a giocare con il diritto alla salute. In quei territori - ha incalzato- da tempo gli ospedali sono stati ridimensionati, il personale medico e paramedico scarseggia e i tempi di attesa per le visite specialistiche si sono allungati a dismisura. In un contesto già particolarmente carente, la chiusura dei punti nascita rappresenta un colpo mortale per i nosocomi di Sapri e Polla. È necessario, quindi, raccogliere la mobilitazione di tutti gli amministratori che difendono il diritto alla salute. La Regione Campania faccia un passo avanti per cancellare quest’assurda decisione" ha concluso Fasano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento