Cronaca

Chiusura del Tribunale di Sala Consilina: il sindaco restituisce la foto di Napolitano

Ferrari: " Le invio la Sua foto, che dal giorno della Sua prima elezione è stata collocata sulla parete del mio ufficio al Comune, a monito ed esempio per ben amministrare"

Un gesto di protesta simbolico, quello del sindaco di Sala Consilina, Gaetano Ferrari che, in segno di dissenso per la chiusura del tribunale cittadino, soppresso e accorpato a quello di Lagonegro, in Basilicata, ha restituito al Quirinale la foto del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. A seguito del discorso che il Capo dello Stato ha tenuto nei giorni scorsi incontrando al Quirinale i 630 magistrati ordinari in tirocinio, dunque, il Primo cittadino ha scritto:  "Signor Presidente credo che sia inaccettabile che Lei intervenga in merito alla recente riforma della giustizia, quando il Parlamento vuole rimettere in discussione un provvedimento imposto con un colpo di mano, senza alcuna discussione con il totale disprezzo del parere delle due commissioni Giustizia".

"E' inaccettabile che Lei si pronunci in merito, quando la Corte Costituzionale è chiamata, a giorni, ad esprimersi sulla incostituzionalità della riforma - ha aggiunto - Le invio la Sua foto, che dal giorno della Sua prima elezione è stata collocata sulla parete del mio ufficio al Comune, a monito ed esempio per ben amministrare, poiché credo che dovendo scegliere tra la difesa di un giusto particolarismo ed una riforma sbagliata, io sto con la mia gente". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura del Tribunale di Sala Consilina: il sindaco restituisce la foto di Napolitano

SalernoToday è in caricamento