menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cartello affisso presso le Poste di via Calenda

Il cartello affisso presso le Poste di via Calenda

Poste, ancora chiuso l'ufficio di via Salvatore Calenda: è protesta

Non ha riaperto il 1 ottobre, come previsto, l'ufficio postale di via Salvatore Calenda, chiuso per lavori di ristrutturazione dal 5 settembre. Residenti e pensionati costretti a raggiungere via Aversano e Fratte

Sul piede di guerra pensionati e residenti di via Salvatore Calenda, per la mancata riapertura dell'ufficio postale del rione fissata per il 1° ottobre. Perplessi e nervosi, infatti, i cittadini, sabato mattina, hanno trovato la saracinesca dell'ufficio postale alzata, sì, ma solo per permettere agli operai di portare avanti i lavori di ristrutturazione che, iniziati il 5 settembre, sarebbero dovuti già terminare.

A raccogliere le proteste dei pensionati, il comitato di quartiere La Mennolella, presieduto fa Franco Cuomo: "Poichè nessuno di noi si è accorto che gli operai dal 5 settembre avessero inziato i lavori, in quanto le saracinesche sono state abbassate sempre a detta di molti residenti della zona, ci aspettavamo già che l'ufficio postale non riaprisse nella data prestabilita - ha spiegato Cuomo - Ma quello che suscita maggiore perplessità tra noi del quartiere è la sparizione improvvisa del cartello indicante come data di termine dei lavori il 1° ottobre, fino a qualche giorno affisso alla saracinesca".

Oltre alla "magica" sparizione del cartello, a innervosire i residenti, l'obbligo di raggiungere gli uffici di via Aversano e di Fratte per effettuare le operazioni postali. Distanze da affrontare, queste, che risultano ancora più insopportabili per i pensionati, i quali, anche  a fronte della riduzione delle corse dei bus per i tagli sui Trasporti, avvertono grandi difficoltà nel percorrere tratti di strada tanto lunghi. A preoccupare il quartiere, anche il trasporto delle pensioni, da parte degli anziani, dagli uffici postali alternativi indicati, alle proprie abitazioni, per il rischio scippi e rapine cui sono esposti in particolare proprio i meno giovani. Tutti in coro, dunque, i residenti di via Calenda, insieme anche a Rosario Peduto dell'associazione Tradizione Futuro del rione, chiedono il ripristino in tempi brevi delle attività dell'ufficio postale del loro quartiere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Ultime di Oggi
  • social

    Ansia: il nuovo singolo di Keyra

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento