Cimiteri chiusi per la commemorazione dei defunti: il malcotento di Federfiori

Lo fa sapere attraverso il commento di Gabriele Esposito, Presidente regionale Federfiori Confcommercio Campania

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

La Federfiori regionale, rimane stupita ed interdetta per la scarsissima attenzione alle istanze della categoria da parte delle autorità preposte alla apertura dei cimiteri, in virtù delle prossime festività. Lo fa sapere attraverso il commento di Gabriele Esposito, Presidente regionale Federfiori Confcommercio Campania: "Ci sono molteplici amministrazioni comunali che chiudono i cimiteri "ad horas" senza tenere conto che un esercizio di rivendita di piante e fiori ha provveduto ad approvvigionarsi per queste ricorrenze con largo anticipo". E aggiunge: "Quello che più ci colpisce è la mancanza di sensibilità e conoscenza del nostro lavoro. Siamo sicuramente piccole imprese, ma proprio per questo a rischio fallimento e tanti con una economia vicina ad una catastrofica chiusura definitiva. Federfiori regionale, conoscendo il problema, ha da tempo informato le diverse autorità che sarebbe stata disponibile a trovare soluzioni che potessero coniugare la necessaria salvaguardia della salute pubblica e la sopravvivenza delle imprese. Ad oggi riceviamo solo chiusure improvvise, senza alcun diritto di replica".

Torna su
SalernoToday è in caricamento