Cronaca

Cimitero, Rispoli: "A rischio la sicurezza dei lavoratori di Salerno Pulita"

Il segretario della Csa provinciale: “Nessuno è intervenuto dopo il sopralluogo nei locali di Brignano. Pronti a difendere le maestranze nelle sedi legali”

Sicurezza a rischio per i lavoratori di “Salerno Pulita” impegnati al cimitero di Salerno. A denunciare la vicenda è Angelo Rispoli, segretario generale della Csa provinciale, che insieme ai legati Carlo Ceresoli e Rosario Romano sta seguendo gli sviluppi della vicenda.

La polemica

Il sindacalista salernitano entra nel merito della vicenda: “Lo scorso 6 febbraio, su richiesta e segnalazioni dei lavoratori di Salerno Pulita, è stato eseguito un sopralluogo presso il cimitero di via Brignano per verificare le condizioni di esposizione ai rischi in funzione dell’utilizzo dei locali assegnati agli undici lavoratori dell’azienda municipalizzata. In seguito al sopralluogo – spiega Rispoli - sono emerse diverse e molteplici complessità rispetto alla tutela della salute dei lavoratori impiegati, perciò come Csa, nella stessa giornata dell’ispezione e in considerazione dell’emergenza delle modifiche, abbiamo notificato il verbale di quanto emerso all’azienda, chiedendo un intervento urgente di bonifica”.

A tutt’oggi però il sindacato non ricevuto risposte. “Resta - aggiunge Rispoli -  la totale indifferenza dei dirigenti responsabili aziendali rispetto alla richiesta d’intervento in merito alle inottemperanze evidenziate”. Di qui l’invito rivolto ai vertici della società affinchè verifichino “le responsabilità per indurre l’azienda a un immediato intervento di ripristino delle condizioni di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori del cimitero. Infine, tenuto conto del procedimento penale in avvio, come Csa provinciale  ci costituiremo parte civile nel processo in rappresentanza e al fine della tutela dei lavoratori interessati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero, Rispoli: "A rischio la sicurezza dei lavoratori di Salerno Pulita"

SalernoToday è in caricamento