menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tavolo dei relatori

Il tavolo dei relatori

Povertà, la Cisl: "Il 77% degli anziani salernitani vive con pensioni inferiori a 1.000 euro"

Il segretario dei pensionati dell'Isola lancia l'allarme: "In molti si vergognano di recarsi presso le mense della Caritas o di altre associazioni, perché a volte non si ha il coraggio di farsi vedere in una condizione di grave indigenza"

Il sistema previdenziale e la sanità per pensionati e non autosufficienti in bilico tra bisogni primari e diritto alla salute e all’assistenza”: questo il tema del convegno promosso dai pensionati della Cisl di Salerno, che si è volto presso l’hotel Mediterranea di Salerno, e che ha visto a confronto sindacalisti ed esperti sull’argomento.

I dati del segretario

Tra i relatori il segretario generale della Fnp Cisl salernitana Giovanni Dell’Isola: “Da almeno dieci anni la Fnp e la Cisl denunciano la grave situazione in cui, nel nostro Paese, sono costretti a vivere milioni di pensionati e non autosufficienti a causa della loro pensione insufficiente. La situazione non cambia in provincia di Salerno”. Poi il sindacalista ha snocciolato alcuni numeri: “Su una popolazione di circa 1.150.000 abitanti, gli over 65 nel territorio provinciale sono circa 223.000 pari al 20% della popolazione, mentre le pensioni erogate dall’Inps sono circa 345.000 pari al 30%. Di queste il 25%, circa 85mila, sono inferiori a 500 euro mensili, mentre il 52%, circa 175mila, vanno da 500 a 1000 euro per un totale complessivo del 77% inferiore a 1.000 euro e dunque in una condizione di povertà. In molti si vergognano di recarsi presso le mense della Caritas o di altre associazioni, perché a volte non si ha il coraggio di farsi vedere in una condizione di grave indigenza". Una questione che Dell'Isola ormai denuncia da anni: "Qualcuno forse si stupirà, ma questa è la realtà con la quale la nostra coscienza deve fare i conti. La sola tassa sulla spazzatura in molti casi ha avuto degli aumenti esponenziali che in alcuni Comuni ha registrato aumenti di tre o quattro volte. Il risultato è stato un ulteriore impoverimento delle pensioni medio-basse, che da anni non vengono adeguate al reale costo della vita. Questo convegno è la testimonianza e la conferma di un impegno che la Fnp e la Cisl continueranno a portare avanti perché è una battaglia di civiltà e di giustizia sociale" conclude Dell’Isola.

Gli altri partecipanti

I lavori sono stati presieduti da Pino Acocella, professore ordinario dell’Università Federico II di Napoli. L’introduzione è stata svolta da Dell’Isola. Gli interventi sono stati affidati ad Enrico Coscioni, cardiochirurgo e consigliere alla sanità del presidente della Regione Campania, Ciro Toma, direttore dell’Inps di Salerno, Giuseppe Gargiulo, componente del coordinamento prestazioni del Consiglio di indirizzo e vigilanza (Civ) dell’Inps, Porfidio Monda, direttore del Piano di Zona Salerno 1/03 e dell’azienda consortile Agro Solidale, Gerardo Ceres, segretario generale della Cisl Salerno, Augusto Muro, segretario generale della Cisl pensionati Campania, e Doriana Buonavita, segretaria generale della Cisl Campania. Le conclusioni sono state affidate a Loreno Coli, segretario generale aggiunto della Federazione nazionale della Cisl pensionati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento