menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Buono

Buono

La Cisl a De Luca: "Restituire i soldi dei tributi in eccesso ai salernitani"

Il segretario generale della Cisl Salerno, Matteo Buono: “La città si prenda un altro primato, si ispiri al modello Torino come accaduto per le Luci d’Artista. Diamo vita a un nuovo “patto fiscale” per un welfare diffuso anche da noi”

 “Il Comune di Salerno ha incassato 5 milioni di euro in più dai tributi locali e, secondo una classifica stilata da IlSole24ore, è una delle città con la tassazione più alta d’Italia. Al sindaco Vincenzo De Luca chiediamo, per il 2015, di prendersi un altro primato: restituire i soldi dei tributi in eccesso ai salernitani. D’altronde una cosa del genere è già accaduto in una città come Torino per la Tasi. Ci si ispiri alla città della Mole Antonelliana non solo per le Luci d’artista”. E' l’appello del segretario generale della Cisl Salerno, Matteo Buono, all’amministrazione della città capoluogo, anche alla luce delle notizie emerse durante l’ultimo consiglio comunale.

La Cisl, dunque, chiede di aprire un confronto vero con le parti economiche e sociali e le categorie professionali interessate per ridurre la tassazione locale e promuovere un nuovo “patto fiscale”. "Il rimborso può e deve essere una occasione per diminuire anche la pressione fiscale e lanciare un messaggio concreto di equità e solidarietà", secondo buono.

“Ma allo stesso tempo va ulteriormente potenziata la lotta all’evasione fiscale e contributiva: i furbetti ci sono anche a Salerno. Con il rimborso chiediamo la tutela dei redditi. Il rimborso delle tariffe dei servizi è un obbligo morale. A fronte delle recenti decisioni del Governo, - prosegue Buono - serve una riduzione della tassazione locale, almeno per i redditi fino a 15.000 euro , per i cassi integrati ed i lavoratori che hanno perso il lavoro. A questo serve unire una politica fiscale agevolata per i giovani, per coloro che intendono aprire una attività commerciale ma anche prevedere agevolazioni per le giovani coppie sui contratti d’affitto. Gli sos delle famiglie raccolti agli sportelli sindacali, reclamano un welfare diffuso in città. Si istituisca un fondo comunale sociale per il 2015. Per esempio, per facilitare il canone di affitto o le bollette della luce e riscaldamento", ha concluso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento