"Collezione Alfonso Mariano": presentazione dell'acquisizione del fondo librario al Comune

Un' acquisizione importantissima che va ad arricchire il patrimonio materiale della Fondazione Alfonso Gatto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il giorno 24 febbraio presso la Sala della Giunta alle ore 11 si terrà una conferenza stampa della Fondazione Alfonso Gatto per la presentazione dell'acquisizione del fondo librario e manoscritto della "Collezione Alfonso  Mariano". Una collezione completa delle opere di Alfonso Gatto tra le quali spiccano: una delle 350 copie di prima edizione di "Isola", la prima raccolta di poesie di Alfonso Gatto  stampate nella Tipografia Pergola di Avellino il  12 dicembre  1932, con una dedica autografa dello stesso Gatto all'amico e poeta toscano  Piero Bigongiari; la copia n° 69, su 500 stampate, dell'opera "Morto ai paesi" da Guanda Editore, 1937, oltre ad una serie di manoscritti, lettere autografe e saggi critici per un totale di oltre 100 opere. Un' acquisizione  importantissima che va ad arricchire il patrimonio materiale della Fondazione Alfonso Gatto e che rappresenta, insieme al Fondo Alfonso Gatto del Centro Manoscritti dell'Università di Pavia, la più importante e completa  raccolta di opere del poeta salernitano. Nel corso della Conferenza stampa verrano esposti alcuni manoscritti e presentati i progetti correlati all'acquisizione. 

Saranno presenti:

Vincenzo Napoli  - Sindaco di Salerno 

Antonia Willburger - Ass. Cultura Comune di Salerno 

Silvio Mariano -  Collezione Alfonso Mariano

Filippo Trotta - Fondazione Alfonso Gatto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento