Cronaca

"Buon vento e mari calmi": cambio di guardia alla Capitaneria di Porto

Si è svolta stamattina alla Stazione Marittima di Salerno la cerimonia passaggio del passaggio di consegne al Comando del Compartimento marittimo di Salerno tra il Capitano di Vascello Giuseppe Menna ed il Capitano di Vascello Daniele Di Guardo

La stretta di mano tra i due comandanti

"Buon vento e mari calmi". L'auspicio e la stretta di mano tra chi lascia e chi avanza hanno sancito il passaggio di consegne al Comando del Compartimento marittimo di Salerno tra il Capitano di Vascello Giuseppe Menna ed il Capitano di Vascello Daniele Di Guardo.

La giornata

La cerimonia si è svolta alla presenza di autorità civili, militari ed ecclesiastiche. "Un dispiacere andare via, dopo una esperienza di comando esaltante in una città splendida, di grande tradizione marinaresca - dice il comandante uscente, il capitano di vascello Giuseppe Menna - Ho conosciuto un tessuto sociale che tanto ha arricchito la mia persona, sotto l'aspetto umano e professionale. In due anni abbiamo difeso l'ambiente: mi piace ricordare la vicenda dei filtri-dischetti e la lotta ai pescatori di corallo rosso, una specie ormai in estinzione ma fondamentale per l'habitat marino. Lascio al mio successore una comunità produttiva, fatta di uomini e donne di spessore. Mi auguro siano bravi come lo sono stati con me, anzi devono esserlo di più".

L'ammiraglio

"Salerno è una capitaneria di porto dove si coglie il lavoro della funzione marina nei suoi tratti distintivi: tutela, sicurezza, navigazione, efficientamento delle navi, controlli nella pesca e commercializzazione - dice l'ammiraglio Vella, intervenuto alla cerimonia che si è svolta alla Stazione Marittima -. Non nascondiamo l'attivitá di polizia giudiziaria. Un bilancio importante, attività del vecchio comandante durata due anni. Auguriamo anche a chi subentra buon vento e mari calmi".

Il nuovo comandante

"Un nuovo incarico, un passaggio del testimone, tante cose da fare anche per la tutela ambientale - dice il nuovo comandante Daniele Di Guardo - Salerno è una realtà prestigiosa, complessa, c'è un'attività portuale importante. Abbiamo oltre 200 chilometri di costa dove insistono tante realtà turistiche e ambientali, tante esigenze. Daremo tutto, al servizio della comunità. Provengo da Catania, non ci sono molte similitudini rispetto alla realtà che lascio. Faremo un lavoro sinergico, a favore di uno sviluppo ordinato e sicuro". 

Il dragaggio

A margine della cerimonia, anche una riflessione Pietro Spirito, presidente del Sistema Portuale Mar Tirreno Centrale. "Il lavoro fondamentale per il porto di Salerno riguarda i dragaggi - commenta - Da novembre 2019 ad aprile 2020 ci sarà la prima fase, pescaggio sufficiente per far attraccare navi da crociera. La Stazione Marittima è già punto di riferimento, adesso deve svolgere la sua funzione primaria. Dovremo lavorare sul traffico contenitori, legato all'operazione pescaggio". 

Il video>>>La cerimonia

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Buon vento e mari calmi": cambio di guardia alla Capitaneria di Porto

SalernoToday è in caricamento