Comitato “Gruppo pendolari linea storica Napoli Salerno” sullo sblocco di Portici

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Invitati dal Sindaco di Nocera Inferiore, avv. Manlio Torquato, in data 13 c.m. ore 15:30, Alfonso Vitale ed Antonio Villani, in qualità di rappresentanti del comitato “Gruppo pendolari linea storica Napoli Salerno”, hanno presenziato all’incontro che si è tenuto in Regione Campania, con l’assessore Vetrella ed i rappresentanti di RFI / TRENITALIA, ed alcuni sindaci intervenuti, in merito allo sblocco dell’impedimento in quel di Portici per la tratta ferroviaria sulla linea storica Napoli-Salerno.

Nell’occasione, i nostri rappresentanti, hanno richiesto, anche informalmente, copia del contratto di servizio tra TRENITALIA e Regione Campania, che in precedenza era già stato richiesto formalmente. In merito, un alto funzionario della regione stessa, ha risposto che tale contratto non è soggetto all’accesso agli atti, in quanto sarebbe un atto normativo generale, cosa che i nostri rappresentanti hanno contrastato,evidenziando che lo stesso incide direttamente sulle condizioni di vita di centinaia di migliaia di cittadini e che, oltretutto, in base ad un principio elementare di civiltà, andrebbe reso pubblico sia on-line che nelle bacheche cartacee nei punti servizio.

Da parte di RFI è stato descritto tecnicamente l’intervento di messa in sicurezza della linea ferroviaria. Lo stesso avvocato della INVEST s.r.l., proprietaria della Villa D'Elboeuf, ha assicurato che a breve verrà eliminato l’ostacolo, così come anche prescritto dal CTU incaricato dal P.M. titolare dell’indagine. Sulla conclusione dei lavori, in pratica, non è stato dato ancora un termine certo, infatti, lo stesso ing. Gallini presume occorrano circa 45 giorni dall’eliminazione dell’ostacolo. Questo, dopo che è stato, più volte, comunicato un termine diverso per la risoluzione del problema, che, ad oggi, va avanti da oltre un anno.

Ovviamente, il comitato è fortemente insoddisfatto dell’esito di tale riunione, perché, ancora una volta, si è registrato il palleggiamento delle responsabilità, l’assenza di termini conclusivi precisi, e soprattutto la mancanza dell’intervento risolutore da parte dello Stato, a mezzo dei suoi rappresentanti ed in modo particolare del Prefetto di Napoli, anch’egli già informato ufficialmente. Visto il perdurare della situazione di disagio, il comitato si riserva di organizzare ulteriori forme di protesta per la rivendicazione dei propri diritti.

Comitato “Gruppo pendolari linea storica Napoli Salerno”

Torna su
SalernoToday è in caricamento