Commemorazione defunti: gli affari dei fiorai e le proteste per il piano traffico

I vigili urbani attendono gli automobilisti all'ingresso di via Sant'Alfonso Maria de' Liguori. I negozianti lamentano disagi per le limitazioni alla circolazione dei veicoli estese ai giorni 3 e 4 novembre. Prezzi dei fiori calmierati, si spende da 7 a 10 euro

"Ogni anno, il 2 novembre, c'è l'usanza per i defunti andare al Cimitero". Il grande Totò buttò giù versi intramontabili e quest'anno, in occasione della commemorazione dei defunti, alla livella - "tutto uguale per tutti, il calmiere" - ricorrono anche i fiorai di Brignano. Accade "perché - spiegano - c'è crisi e abbiamo pensato di adeguarci ai tempi e alle finanze ridotte". Dunque prezzi standard per i fiori, cioè quelli "prarticati negli altri periodi dell'anno", pure "in questo giorno, triste e mesta ricorrenza, nel quale - raccontava il Principe Antonio De Curtis -  anche io ci vado e adorno di fiori il loculo marmoreo".

Il calmiere

"I prezzi sono contenuti perché dobbiamo anche attenerci al momento di crisi. La richiesta è di pochi fiori: le tombe non sono adorne, spesso si preferisce il fiore di plastica. Il crisantemo fin qui non è il fiore più venduto e viene acquistato soprattutto il 2 novembre, come simbolo. Ci chiedono margherite olandesi, la mazzetteria per le fioriere piccole. Ci sono persone che non vogliono neppure sentir nominare i crisantemi. Chiedono ciclamini, garofani, gladioli. La spesa media varia da 7 a 10 euro, in base a quanti defunti sia necessario onorare", spiegano Ida Barba e Alfredo Casaburi, quest'ultimo titolare del primo negozio di fiori che si incontra in via Sant'Alfonso Maria de' Liguori. "Anthurium molto richiesto, insieme all'Orchidea e la rosa - dice la fioraia Lucia Guariglia. - C'è anche chi tiene molto alla tradizione, con Singapori e crisantemi".

Le proteste

"Il piano traffico ci penalizza - commentano i fiorai - Da giovedì 1 novembre chiudono tutto e le auto che arrivano dal lato opposto, cioè dalle Antiche Fornaci D'Agostino, frequentano i negozi che si trovano nella parte alta del cimitero e noi siamo esclusi. Di solito la chiusura è estesa al 1° e 2 novembre. Non capiamo come sia possibile chiudere il circuito anche il 3 e 4 novembre. Dovrebbero interpellare anche le persone sul posto, perché magari potrebbero dare un consiglio. Lavoriamo qui da 32 anni e sappiamo che il 3 e 4 novembre sono giornate più lente. Fino a ieri, martedì 30 ottobre, hanno consentito ai TIR di salire in area cimiteriale. Accade ogni giorno, ci sono 40-50 TIR. Avevamo segnalato tutto anche all'assessore comunale alla mobilità, Mimmo De Maio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il piano traffico

Vige dalle ore 8 e fino a 30 minuti dopo la chiusura dei cancelli del cimitero di Brignano che avverrà entro le ore 18 nei giorni 1, 2, 3, 4 novembre. Obblighi e divieti: a via di Brignano, dall'ex canale municipale e fino all'intersezione con via Sant'Alfonso Maria de' Liguori è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia mare-monti per tutti i veicoli. In via Sant'Alfonso Maria de' Liguori, è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia monti-mare su tutto il tratto compreso tra l'intersezione con via Brignano e fino all'ex canile municipale. Ai veicoli che percorrono questa strada, giunti all'intersezione con via Irno, è fatto obbligo di svoltare a destra e instradarsi in direzione Fratte. Per quanto riguarda via Irno, è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia centro-periferia su tutto il tratto compreso tra il ponte Rouen e il ponte sovrastante il Parco Salid. Ai veicoli provenienti da Fratte e che percorrono via Irno in direzione centro, giunti all'altezza del ponte che sovrasta il Parco Salid, è fatto obbligo di svolta a destra e di instradarsi sul ponte. Dalle ore 7 alle 20 dei giorni 1,2,3,4 novembre, divieto di sosta con rimozione forzata sui seguenti tratti: via di Brignano, ambo i lati della carreggiata; via Sant'Alfonso Maria de' Liguori nel tratto del passaggio a livello-innesto via Irno lato monte della carreggiata; su entrambi i lati del tratto di strada compreso tra la via di Brignano (edificio scolastico) e la rampa che conduce all'ingresso principale della "D'Agostino"; sulla destra del senso di marcia, quindi dal'alto verso il basso, a partire dal bivio che conduce alo stabilimento Antiche Fornaci, fino all'altezza del secondo cancello del Cimitero; lungo la rampa di accesso allo stabilimento Antiche Fornaci, ovvero lungo il lato della scarpata. Sul tratto adiacente il cancello principale di via Sant'Alfonso Maria de' Liguori è istituito il parcheggio riservato agli automezzi delle Forze Armate, Polizia e Pronto Soccorso. Dalle ore 7 alle 20 di tutti i giorni, compresi il 31 ottobre e il 4 novembre, divieto di transito per autocarri di portata superiore a 35 quintali sulle seguenti strade: via Sant'Alfonso Maria de' Liguori, via di Brignano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • Dramma a Baronissi, uomo si suicida in casa: il cordoglio di Valiante

Torna su
SalernoToday è in caricamento