Commemorazione defunti: gli affari dei fiorai e le proteste per il piano traffico

I vigili urbani attendono gli automobilisti all'ingresso di via Sant'Alfonso Maria de' Liguori. I negozianti lamentano disagi per le limitazioni alla circolazione dei veicoli estese ai giorni 3 e 4 novembre. Prezzi dei fiori calmierati, si spende da 7 a 10 euro

"Ogni anno, il 2 novembre, c'è l'usanza per i defunti andare al Cimitero". Il grande Totò buttò giù versi intramontabili e quest'anno, in occasione della commemorazione dei defunti, alla livella - "tutto uguale per tutti, il calmiere" - ricorrono anche i fiorai di Brignano. Accade "perché - spiegano - c'è crisi e abbiamo pensato di adeguarci ai tempi e alle finanze ridotte". Dunque prezzi standard per i fiori, cioè quelli "prarticati negli altri periodi dell'anno", pure "in questo giorno, triste e mesta ricorrenza, nel quale - raccontava il Principe Antonio De Curtis -  anche io ci vado e adorno di fiori il loculo marmoreo".

Il calmiere

"I prezzi sono contenuti perché dobbiamo anche attenerci al momento di crisi. La richiesta è di pochi fiori: le tombe non sono adorne, spesso si preferisce il fiore di plastica. Il crisantemo fin qui non è il fiore più venduto e viene acquistato soprattutto il 2 novembre, come simbolo. Ci chiedono margherite olandesi, la mazzetteria per le fioriere piccole. Ci sono persone che non vogliono neppure sentir nominare i crisantemi. Chiedono ciclamini, garofani, gladioli. La spesa media varia da 7 a 10 euro, in base a quanti defunti sia necessario onorare", spiegano Ida Barba e Alfredo Casaburi, quest'ultimo titolare del primo negozio di fiori che si incontra in via Sant'Alfonso Maria de' Liguori. "Anthurium molto richiesto, insieme all'Orchidea e la rosa - dice la fioraia Lucia Guariglia. - C'è anche chi tiene molto alla tradizione, con Singapori e crisantemi".

Le proteste

"Il piano traffico ci penalizza - commentano i fiorai - Da giovedì 1 novembre chiudono tutto e le auto che arrivano dal lato opposto, cioè dalle Antiche Fornaci D'Agostino, frequentano i negozi che si trovano nella parte alta del cimitero e noi siamo esclusi. Di solito la chiusura è estesa al 1° e 2 novembre. Non capiamo come sia possibile chiudere il circuito anche il 3 e 4 novembre. Dovrebbero interpellare anche le persone sul posto, perché magari potrebbero dare un consiglio. Lavoriamo qui da 32 anni e sappiamo che il 3 e 4 novembre sono giornate più lente. Fino a ieri, martedì 30 ottobre, hanno consentito ai TIR di salire in area cimiteriale. Accade ogni giorno, ci sono 40-50 TIR. Avevamo segnalato tutto anche all'assessore comunale alla mobilità, Mimmo De Maio". 

Il piano traffico

Vige dalle ore 8 e fino a 30 minuti dopo la chiusura dei cancelli del cimitero di Brignano che avverrà entro le ore 18 nei giorni 1, 2, 3, 4 novembre. Obblighi e divieti: a via di Brignano, dall'ex canale municipale e fino all'intersezione con via Sant'Alfonso Maria de' Liguori è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia mare-monti per tutti i veicoli. In via Sant'Alfonso Maria de' Liguori, è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia monti-mare su tutto il tratto compreso tra l'intersezione con via Brignano e fino all'ex canile municipale. Ai veicoli che percorrono questa strada, giunti all'intersezione con via Irno, è fatto obbligo di svoltare a destra e instradarsi in direzione Fratte. Per quanto riguarda via Irno, è istituito il senso unico di circolazione con direzione di marcia centro-periferia su tutto il tratto compreso tra il ponte Rouen e il ponte sovrastante il Parco Salid. Ai veicoli provenienti da Fratte e che percorrono via Irno in direzione centro, giunti all'altezza del ponte che sovrasta il Parco Salid, è fatto obbligo di svolta a destra e di instradarsi sul ponte. Dalle ore 7 alle 20 dei giorni 1,2,3,4 novembre, divieto di sosta con rimozione forzata sui seguenti tratti: via di Brignano, ambo i lati della carreggiata; via Sant'Alfonso Maria de' Liguori nel tratto del passaggio a livello-innesto via Irno lato monte della carreggiata; su entrambi i lati del tratto di strada compreso tra la via di Brignano (edificio scolastico) e la rampa che conduce all'ingresso principale della "D'Agostino"; sulla destra del senso di marcia, quindi dal'alto verso il basso, a partire dal bivio che conduce alo stabilimento Antiche Fornaci, fino all'altezza del secondo cancello del Cimitero; lungo la rampa di accesso allo stabilimento Antiche Fornaci, ovvero lungo il lato della scarpata. Sul tratto adiacente il cancello principale di via Sant'Alfonso Maria de' Liguori è istituito il parcheggio riservato agli automezzi delle Forze Armate, Polizia e Pronto Soccorso. Dalle ore 7 alle 20 di tutti i giorni, compresi il 31 ottobre e il 4 novembre, divieto di transito per autocarri di portata superiore a 35 quintali sulle seguenti strade: via Sant'Alfonso Maria de' Liguori, via di Brignano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Dramma alla Cittadella: medico stroncato da un infarto, inutili i soccorsi

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

  • Maltempo a Salerno, cade un grosso albero: disagi a Casa Manzo

Torna su
SalernoToday è in caricamento