Coronavirus: chiusura delle strade secondarie di accesso ad Agropoli

Agropoli presenta circa 17 punti di accesso alla città, molti dei quali secondari. Intanto, prosegue il lavoro per aiutare le persone in difficoltà da parte del Comune

Le strade chiuse

Strette, le misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 ad Agropoli: sono state installate barriere stradali fisse e istituiti presidi vigilati sulle principali strade di accesso. Il Comune ìpresenta circa 17 punti di accesso alla città, molti dei quali secondari. Tale stato di cose rende complicato, se non impossibile, un controllo attento degli ingressi. Da qui la decisione del sindaco Adamo Coppola, che ha fatto proprie le decisioni del C.O.C. (Centro Operativo Comunale), formalizzandole in un’apposita ordinanza (n. 8352 del 24.03.2020), consistenti nella chiusura di alcuni percorsi secondari di accesso al territorio, tramite apposizione di barriere, transenne e new jersey in cemento, adeguatamente segnalati.


Ecco le arterie chiuse, con barriera stradale fissa:

- SP 430 - USCITA NORD DEL COMUNE DI AGROPOLI;

- BIVIO  S. CATERINA – CONFINE AGROPOLI /OGLIASTRO CILENTO;

- SP 45 - AGROPOLI/PRIGNANO CILENTO;

- VIA CANNETIELLO CONFINE AGROPOLI/TORCHIARA;

- VIA BARBUTI  (LOCALITA’ MOIO ALTO)- CONFINE  AGROPOLI/LAUREANA CILENTO.


Tali chiusure saranno operative da domani, sabato 28 marzo, fino alla fine dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Parla il sindaco Coppola


«Nel  nostro  Comune sono presenti una serie di vie secondarie che consentono l'accesso nel nostro territorio ed i veicoli in transito sfuggono ai controlli degli agenti, impegnati a pattugliare gli accessi principali. Da qui la decisione, di comune accordo con il C.O.C., di installare barriere stradali fisse, ai sensi del Codice della strada, al fine di ridurre gli accessi da controllare e istituire presidi vigilati sulle rimanenti strade di accesso al territorio comunale. In questo modo – conclude - riusciremo ad avere il pieno controllo di chi entra nella nostra città, evitando esodi incontrollati in entrata e il conseguente potenziale rischio di trasmissione del virus».

Amministrazione comunale e Rete territoriale solidale in aiuto alle famiglie in difficoltà. Il sindaco Coppola: «nessuno verrà lasciato solo».


E intanto, sempre a proposito di emergenza sanitaria, prosegue intenso e costante il lavoro dell’amministrazione comunale, per rispondere alle esigenze dei nuclei familiari in difficoltà presenti in città. E’ attivo un numero dedicato (Info Sostegno economico 389.6367472) che prevede la possibilità per le famiglie in condizioni di disagio dovuto all’emergenza coronavirus, di chiedere un sostegno economico al Comune di Agropoli, in base all’Isee posseduta.

La rete

E’ attiva inoltre una Rete territoriale solidale. Composta dal Comune, Croce Rossa Italiana, Parrocchie, Segretariato sociale, Associazioni, Protezione civile, tale rete congiuntamente sta operando sul territorio per compiere una raccolta di derrate alimentari, beni di prima necessità da distribuire a tutti coloro che sono in difficoltà sul territorio comunale. Le richieste di aiuto vengono raccolte tramite il numero 331.6601621 (numero di Prima Assistenza domiciliare) e i pacchi alimentari vengono distribuiti a domicilio dagli operatori della Croce Rossa e della Protezione civile. Operativi anche due numeri di telefono da contattare per chi volesse effettuare una donazione: 0974.827405 e 388.1825945 (Info Notizie Covid-19).


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

Torna su
SalernoToday è in caricamento