Sorpreso con 40 kg di datteri di mare a Conca dei Marini: pescivendolo nei guai

I molluschi erano occultati nel cofano della vettura in due taniche ed una cassetta di plastica avvolte in sacchi neri dell’immondizia, insieme a due borsoni con alcune mute utilizzate per la battuta illegale di pesca

Il sequestro

Questa mattina i carabinieri di Amalfi hanno fermato un pescivendolo di 45 anni, C.A le sue iniziali, originario di Castellabate di Stabia, mentre con la sua auto si trovata in località “Grotta dello Smeraldo” a Conca dei Marini. L’uomo, infatti, aveva a bordo della sua auto  circa 40 kg di datteri di mare, la cui pesca è vietata per legge. I molluschi erano occultati nel cofano della vettura in due taniche ed una cassetta di plastica avvolte in sacchi neri dell’immondizia, insieme a due borsoni con alcune mute utilizzate per la battuta illegale di pesca nelle acque del posto, verosimilmente avvenuta di notte ed insieme ad altri complici.

L’uomo è stato denunciato a piede libero per pesca illegale di specie animali protette e deturpamento di bellezze naturali. I datteri sono stati sequestrati e fatti analizzare dal servizio sanitario dell’Asl in attesa delle disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento