menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sentenza Claps, i legali di Restivo fanno ricorso in Cassazione

La difesa di Restivo lamenta ''la violazione ed erronea applicazione degli artt. 192, 546, 238, 603 codice di procedura penale; l'omessa valutazione di elementi di prova favorevoli all'imputato

I legali di Danilo Restivo, Alfredo Bargi e Marzia Scarpelli, hanno presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza di condanna a 30 anni, emessa dalla corte di Assise di Appello di Salerno lo scorso 24 aprile, che aveva confermato la sentenza di primo grado per omicidio volontario aggravato della studentessa potentina Elisa Claps. La difesa di Restivo lamenta ''la violazione ed erronea applicazione degli artt. 192, 546, 238, 603 codice di procedura penale; l'omessa valutazione di elementi di prova favorevoli all'imputato; la manifesta illogicità e mancanza di motivazione; il travisamento della prova; il vizio di motivazione in ordine alla mancata rinnovazione dibattimentale delle perizie medico-legale e genetico-forense, nonché per l'assunzione dell'esame dell'imputato'', tra l'altro.

Secondo la difesa ''Restivo non poté commettere l'omicidio della Claps dopo l'incontro delle 11.40 per poi raggiungere l'abitazione alle ore 13.15 e il pronto soccorso alle 13.50''. ''Scientificamente impossibile'' per Bargi e Scarpelli ''a distanza di 17 anni ricostruire il giorno della morte della vittima'' così come non c'è ''nessuna certezza sul tentativo di violenza sessuale''. Un aspetto, questo, in virtù del quale, la difesa chiede che ''sia esclusa la sussistenza di detta aggravante''. Piuttosto ci sono ''tracce di profilo biologico lasciato da altri soggetti che avrebbero potuto compiere il delitto di cui è accusato Restivo''. C'è, poi, il rigetto dell'istruttoria dibattimentale per consentire l'esame dell'imputato, ''motivato con la considerazione che l'imputato aveva rilasciato in udienza ampie dichiarazioni spontanee'' che per i legali ''non sono un mezzo di prova come invece l'esame dell'imputato che entra, quindi, nel compendio probatorio''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento