Condanna di De Luca, il sindaco: "Non mollo!"

Vincenzo De Luca, appresa la notizia della sua condanna ad un anno, commenta: "Mi auguro che questa vicenda sia vista sul piano nazionale, in primo luogo dal Pd, come l'occasione per una grande battaglia a difesa delle persone perbene"

Dopo la condanna ad 1 anno di Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, è lo stesso primo cittadino ad esprimere la sua posizione in merito. "Apprendo di una mia condanna per abuso di ufficio - commenta De Luca - L'accusa verteva sulla nomina del Project manager da parte mia, in qualità di commissario di governo per un termovalorizzatore nel 2008. Tale nomina, come risulta dagli atti processuali, mi fu richiesta dal Rup (responsabile unico del procedimento). L'accusa ha sostenuto, come risulta dagli atti, che bisognava nominare un coordinatore e non un Project manager, in quanto quest'ultima figura non è in uso nella pubblica amministrazione. In sintesi, le due figure sono equivalenti, il compenso spettante è uguale, e viene deciso dal Rup".

"Si tratta, nel caso specifico, di 8.000 euro netti, percepiti, come documentato, per 18 mesi di intenso e qualificato lavoro del Project manager - continua il sindaco - Mi auguro che questa vicenda sia assunta sul piano nazionale, in primo luogo dal Pd, come l'occasione per una grande battaglia a difesa delle persone perbene, degli amministratori che dedicano una vita al bene pubblico, e sono costretti a vivere un calvario. Mi auguro che le carte processuali siano rese pubbliche, siano lette da tutti, in tutte le sedi, che si sviluppi una discussione pubblica e che si ragioni a voce alta su cosa è diventato il diritto in Italia".

"Mi auguro che l'Anci - incalza De Luca - decida di esistere, a tutela della dignità, delle funzioni e dell'autonomia di Sindaci e amministratori che non rubando, non disamministrando, e mantenendo un rigore spartano, sono tuttavia carne da macello, nell'indifferenza generale. In queste condizioni, ben presto non ci sarà più nessuna persona perbene disponibile ad assumere responsabilità pubbliche. Avremo soltanto o delinquenti o ignavi. Verificheremo le iniziative da sviluppare nei prossimi giorni. Si prospetta, credo, una ripetizione della vicenda del Sindaco di Napoli. Intanto, rivolgo un saluto ed un grande abbraccio a quanti hanno guardato e guardano a me come ad una speranza di rinnovamento della politica e di salvezza della Campania. Io non ho nessuna intenzione di mollare nulla - conclude il sindaco - Da oggi comincia una grande battaglia di civiltà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Belen in Costiera, "salto" a Ravello e degustazione dei dolci di Pansa

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento