Commercianti di Cava, Italo Cirielli: “Servalli convochi il consiglio comunale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

“Finalmente oggi è stata ufficializzata la proclamazione dei consiglieri comunali eletti a Cava de’ Tirreni. C'è voluto un mese, ma ce l'abbiamo fatta. Ora, però, alla luce della grave crisi sanitaria in corso, è arrivato il momento di accelerare i tempi e di mettersi subito al lavoro per prevenire un'altra socio-economica. Per questo chiedo al sindaco Vincenzo Servalli di sollecitare la convocazione, magari già entro la settimana, della prima seduta del consiglio comunale, per poter comporre le diverse commissioni ed iniziare ad affrontare immediatamente alcune problematiche urgenti”. Lo dichiara, in una nota, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Italo Cirielli.

“Prima di tutto bisogna discutere della questione dell’ospedale “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” dove sembra che, nelle ultime ore, sia scoppiato un vero e proprio focolaio nel reparto di Chirurgia. E poi è quanto mai necessario discutere delle inevitabili e gravi ripercussioni che ricadranno sui commercianti, a seguito dell'approvazione del nuovo Dpcm del Governo nazionale. Il Comune - sottolinea Cirielli - può e deve fare la sua parte per aiutarli. Come Fratelli d’Italia proponiamo l’annullamento dell'ultima rata della Tari per le attività commerciali cavesi e la sospensione delle prime due rate del 2021; l'annullamento della Tosap (tassa per l'occupazione del suolo pubblico) per il 2020/2021; la sottoscrizione di un'intesa tra il Comune e i proprietari degli immobili che ospitano le attività commerciali che preveda la riduzione dell'affitto per i commercianti in cambio di un abbassamento dell’Imu. Per aiutare i commercianti cavesi servono interventi concreti. E per questo auspico che tali proposte possano essere valutate con attenzione dal primo cittadino e dalla sua maggioranza”.


 

Torna su
SalernoToday è in caricamento