menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritardo nei pagamenti al Consorzio Bacino Salerno: 13 sindaci a processo

Tale circostanza - secondo la Procura di Nocera che ha concluso l’inchiesta con il rinvio a giudizio per gli imputati - avrebbe impedito all’Ente che si occupava della gestione e dello smaltimento dei rifiuti di pagare il debito erariale

Tredici tra sindaci ed ex dell’Agro nocerino sarnese dovranno difendersi in un processo per un ritardo nei pagamenti dei rispettivi Comuni per i servizi effettuati dal Consorzio di Bacino Salerno 1. Questa circostanza - secondo la Procura di Nocera che ha concluso l’inchiesta con il rinvio a giudizio per gli imputati - avrebbe impedito all’Ente che si occupava della gestione e dello smaltimento dei rifiuti di pagare il debito erariale. 

Gli imputati 

Si tratta dell’ex primo cittadino di Cava de’ Tirreni Marco Galdi; Francesco Gismondi, all’epoca dei fatti sindaco di Calvanico; Giovanni Romano, già primo cittadino di Mercato San Severino; Carmine Citro, ex sindaco di Pellezzano; Sabatino Tenore, già sindaco di Siano; Francesco Longanella, ex primo cittadino di Castel San Giorgio; Manlio Torquato, attuale sindaco di Nocera Inferiore; Salvatore Bottone, ex primo cittadino di Pagani; Andrea Pascarelli, già sindaco di Roccapiemonte;  Nunzio Carpentieri, ex sindaco di Sant’Egidio del Monte Albino e attuale consigliere regionale;  Cosimo Annunziata, ex sindaco di San Marzano sul Sarno;  Pietro Pentangelo, attuale primo cittadino di Corbara e l’ex sindaco di Nocera Superiore Gaetano Montalbano. Sotto la lente d’ingrandimento è finito anche l’ex commissario liquidatore del Consorzio, Fabio Siani, per il quale la Procura procede separatamente. 

Le cifre

Nel 2013 sindaci ed ex primi cittadini non avrebbero versato entro il termine previsto il versamento di ritenute certificate per un ammontare complessivo di 1.915.000 euro; nel 2014 la cifra non pagata è di 1.648.580 euro, ripartita in proporzione per le città e i rispettivi abitanti. A tali cifre si aggiunge anche l’omesso versamento dell’Iva dovuta per gli stessi anni: 896.413 euro nel 2013 e 606.137 euro nel 2014. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Contagi a scuola: positivo un alunno a Contursi

  • Incidenti stradali

    Incidente sull'A2, furgone si ribalta: ferito il conducente

  • Cronaca

    Ripresa in presenza all'Unisa: i dubbi della Cisl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento