rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca Battipaglia

Contrabbando di gasolio: sequestrati depositi a Battipaglia e Campagna

Vasta operazione della Guardia di Finanza: posta sotto sequestro anche una raffineria di Terni. Due arresti, unidici denunce e 723 tonnellate di gasolio sequestrate

Una raffineria a Terni e 723 tonnellate di gasolio sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli nel corso di un'operazione contro il contrabbando di prodotti petroliferi che ha portato a due arresti e alla denuncia di altre undici persone. La banda operava in Campania, Lazio, Abruzzo, Umbria. Il gasolio è stato sequestrato anche in 4 depositi. Della banda di contrabbandieri di carburante  faceva parte anche l'amministratore legale della raffineria sequestrata in Umbria: che figura tra i denunciati – il quale si adoperava per agevolare il contrabbando di notevoli quantità di carburante.

Le 723 tonnellate di gasolio per autotrazione, corrispondenti a circa 768 mila litri, sono state sequestrate, insieme a sei articolati, in quattro depositi che si trovano a Cave (Roma), Cellino Attanasio (Teramo), Battipaglia e Campagna, in provincia di Salerno. I militari del nucleo di polizia tributaria di Napoli hanno accertato un consumo in frode di altre 490 tonnellate (circa 587 mila litri) di prodotti petroliferi. I due arrestati, sorpresi in flagranza, e gli undici denunciati, sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi.

Durante le indagini è stato appurato che le cisterne partivano da Napoli con una precisa e documentata destinazione che però cambiava durante il tragitto: il carburante, infatti, veniva scaricato depositi clandestini dai quali veniva poi smistato per il contrabbando. La commercializzazione al dettaglio dei prodotti petroliferi di contrabbando ha determinato, di conseguenza, l’evasione delle imposte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrabbando di gasolio: sequestrati depositi a Battipaglia e Campagna

SalernoToday è in caricamento