Guardia di Finanza nel Comune di San Pietro al Tanagro, il sindaco: "Siamo tranquilli"

Il sindaco: "C’è stato già un controllo amministrativo sulla base degli elementi rilevati dalle due ditte e i giudici hanno acclarato l’aggiudicazione alla ditta che poi ha eseguito i lavori”

Blitz della Guardia di Finanza, nei giorni scorsi, presso il Comune di San Pietro al Tanagro: su commissione della Corte dei Conti le fiamme gialle hanno anche provveduto al ritiro di alcuni documenti che riguardano dei lavori effettuati nella scuola del paese.

La precisazione

“La Guardia di Finanza ha ritirato dei documenti relativi ad una gara d’appalto che si è tenuta circa quattro anni fa – ha detto ad Ondanews il primo cittadino  Domenico Quaranta –  Questa gara riguardava i lavori di efficientamento energetico dell’edificio scolastico. C’è stata una segnalazione di irregolarità e la Corte dei Conti ovviamente sta facendo gli accertamenti necessari. A noi non è data possibilità di agire, sono semplici controlli sulla base di una segnalazione e su questa segnalazione non ho nessun elemento”.

Le rassicurazioni di Quaranta

“Siamo tranquilli la Corte dei Conti fa il suo dovere e deve accertare la regolarità della gara. Sulla gara d’appalto sono già stati fatti due ricorsi da parte delle ditte non aggiudicatarie ed entrambi i ricorsi hanno visto queste ditte soccombenti. C’è stato già un controllo amministrativo sulla base degli elementi rilevati dalle due ditte e i giudici hanno acclarato l’aggiudicazione alla ditta che poi ha eseguito i lavori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Dramma allo stadio Arechi, durante la partita: tifoso cade nel fossato

  • "Ecco perchè picchiavo mia moglie": il racconto-choc di un salernitano alla Rai

  • Furibonda lite in strada tra avvocatesse, a Pagani: la denuncia

  • Nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • Scossa di terremoto 2.7 a Romagnano al Monte: nessun danno

Torna su
SalernoToday è in caricamento