rotate-mobile
Cronaca

Corisa 2, i lavoratori incrociano le braccia: stop alla raccolta dei rifiuti

Il passaggio di cantiere, previsto dalla norma del settore, non si è ancora verificato. Assemblea permanente nella sede operativa di via Scavate Caserosse

Rischia di esplodere una nuova emergenza rifiuti in provincia di Salerno. I 49 lavoratori del Corisa 2, che da diverse ore sono in assemblea permanente presso la sede operativa di Scavate Caserosse, a Salerno, sono pronti ad incrociare le braccia perché proprio loro, che per primi dovevano essere trasferiti negli organici dei Comuni o di nuove società, vivono ancora nell’incertezza. Il passaggio di cantiere, previsto dalla norma del settore, non si è ancora verificato. E, dunque, non sono ancora a conoscenza della loro futura ricollocazione.

La nota dei lavoratori:

"A seguito delle numerose quanto snervanti ed inutili trattative di raffreddamento circa la sorte dei 49 lavoratori intercantieri, e di fronte all’incapacità dell’Ente di Ambito nel ricercare la facile soluzione al nostro problema nonché considerata l’assoluta assenza della Regione Campania, vero interlocutore, a far data odierna i lavoratori intercantieri della Sede Operativa di Scavate Caserosse saranno riuniti in assemblea permanente, consci che solo con la lotta sarà possibile focalizzare e risolvere il problema occupazionale che ci attanaglia e ci costringe a vivere in forte condizione di disagio fisico e mentale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corisa 2, i lavoratori incrociano le braccia: stop alla raccolta dei rifiuti

SalernoToday è in caricamento