Covid-19 e case di riposo, Polichetti a Borrelli: "Si indaghi su immobilismo di Asl e Prefettura"

Il sindacalista della Fials si rivolge direttamente al Procuratore Capo Giuseppe Borrelli affinchè intervenga sulla questione

Mario Polichetti

Chiarezza su case di riposo e residenze per anziani in provincia di Salerno, prevedendo anche un'inchiesta della Procura della Repubblica sull'immobilismo di prefettura e vertici dell'Asl.A chiederla è Mario Polichetti, responsabile provinciale e nazionale della Fials per il comparto sanità e politiche sociali.

L’esposto

Il sindacalista salernitano chiede al procuratore capo Giuseppe Borrelli di “attivarsi sin da subito per fare luce sulla paralisi che, attualmente, pare pervadere le principali istituzioni dello Stato e della sanità pubblica". E spiega: “Da giorni, i mezzi di informazioni raccontano di situazioni al limite della legge in case di riposo, residenze sanitarie assistenziali e strutture private accreditate con il Sistema sanitario nazionale. A Milano, nel caso specifico del Pio Albergo Trivulzio, la magistratura ha già aperto dei fascicoli per far luce su decessi e procedure burocratiche. Stessa cosa sarebbe stata fatta, da informazioni certe e verificate, dalla Procura lucana di Lagonegro che ha come territorio di competenza anche il comprensorio salernitano del Vallo di Diano. Ecco perché, da cittadino e da medico, invoco l'intervento della Procura di Salerno per fare luce su come la prefettura e i vertici dell'Asl stanno gestendo l'emergenza Covid-19, verificando eventualmente varie responsabilità laddove ce ne fossero”.

Le critiche

Polichetti denuncia che, da giorni, “si chiedono informazioni certe sulle case di riposo, ma il rimpallo di responsabilità tra sindaci e prefettura è diventato stucchevole. Tutti sanno ma nessuno lo dice: ci sono case di riposo nate anche in semplici appartamenti che, ora, sono diventati potenziali focolai di coronavirus. Ma cosa si aspetta ad agire? Dobbiamo diventare una nuova Bergamo? Cosa sta facendo l'Asl, azienda deputata ai controlli di queste realtà? Cosa stanno facendo i dirigenti lautamente pagati con i soldi di tutti i contribuenti italiani? Cosa stanno facendo i vertici di Igiene e Medicina del lavoro davanti a colleghi che, ogni giorno, rischiano di essere contagiati perché qualcuno ha pensato che il profitto sia più importante della salute? Ci sarà tempo per chiedere il commissariamento dell'Asl salernitana per la scellerata gestione dell'emergenza coronavirus. Per ora, però, mi auguro che la Procura di Salerno apra un'inchiesta su una casta di potere che sembra immune a ogni regola del vivere civile. Non si può farla franca davanti al dolore e alla disperazione di gente che sta perdendo i propri cari per l'inefficienza di chi dovrebbe governarci. Procuratore Borrelli, fate presto: indagate" conclude il sindacalista.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Curiosità, coppia del salernitano si ricongiunge da Maria De Filippi

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • Ritorno a scuola, De Luca firma la nuova ordinanza: ecco cosa prevede

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento