Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

La figlia del noto medico metelliano, deceduto nella giornata di ieri al "Ruggi", si rivolge al padre: "Sono stata una ragazza responsabile, mi sono tenuta lontana da te ed è stato molto difficile, spero che potrai perdonarmi per questo"

Il post pubblicato su Facebook

Oltre il danno anche la beffa, mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone”. Parole di dolore e amarezza quelle scritte, questa mattina, sul suo profilo Facebook da Carla De Pisapia,  figlia del dottore cavese Antonio De Pisapia, deceduto ieri al “Ruggi” di Salerno a causa del Coronavirus.

Il commento

La giovane si rivolge al padre: “Sono stata una ragazza responsabile, mi sono tenuta lontana da te ed è stato molto difficile, spero che potrai perdonarmi per questo. Adesso penso che avrei potuto rischiare, infrangere le regole per averti potuto riabbracciare un'ultima volta. La mia responsabilità mi ha salvata e mi ha permesso di poterti venire a salutare adesso. Credevo di aver già conosciuto il dolore e di aver subito tante cattiverie ma Dio ha voluto anche questo per me. Ti amo papà e mi manchi, supererò questa sofferenza, ma tu stammi accanto”.

post-13

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Covid-19: muore un 34enne ad Agropoli, nuovi casi a Caggiano e Pagani

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento