Coronavirus, il racconto di Claudia: "Io, in quarantena, attendo ancora l'esito del tampone"

La donna ha scritto alla nostra redazione per denunciare ciò che le sarebbe accaduto negli ultimi giorni, ossia da quando ha iniziato ad avere sintomi riconducibili al virus

Una donna di Salerno, di nome Claudia Zurlo, ha scritto alla nostra redazione per raccontare cosa le sarebbe successo negli ultimi giorni, ossia da quando ha iniziato ad avere sintomi riconducibili al Coronavirus. Ora è chiusa in casa, in quarantena, ma finora - denuncia - non è a conoscenza dell’esito del tampone a cui è stata sottoposta.  

Il suo racconto:

Volevo raccontare la mia vergognosa esperienza al San Leonardo di Salerno come sospetto contagio Covid-19. Partendo dal presupposto che giorno sabato 7 marzo mi metto in auto-quaratena con segnalazione al'Asl dopo la comparsa dei primi sintomi i quali: febbre, affanno, brividi, mal di testa e giramenti. Sotto consiglio del centralinista dietro uno dei tanti numeri regionali, aspetto l'eventuale decorso dei sintomi. Arrivata al giorno giovedì 12 marzo con stessi sintomi il mio medico di famiglia chiama il 112 per farmi venire a prendere al domicilio (dopo aver chiamato io personalmente 118 che mi ha consigliato di comperare un saturometro, sottovalutando completamente la situazione, lo so solo io che siamo in emergenza nazionale? bo)Arrivata alle 18:01 al pronto soccorso del San Leonardo, mi fanno visite, innumerevoli esami e il tampone per Coronavirus. Una volta accertati che io stessi bene, senza sintomatologie piuttosto gravi, decidono di dimettermi con codice giallo e anomalie respiratorie in attesa di esito tampone in isolamento domiciliare. Alla dimissione (non comunicata) non mi hanno detto né la diagnosi né l'esito dei vari esami effettuati, solo che mi dovevano venire a prendere e che avrei dovuto aspettare nel bagno dell'ospedale visto che non potevo avere contatti con nessuno. Quindi io pazientemente (troppo) aspetto mio padre (65 anni) che mi venisse a prendere confinata nel bagno del pronto soccorso con il foglio delle dimissioni alla mano. Leggendo il referto mi accorgo che non avevano né il mio indirizzo né il mio numero di telefono, così educatamente decido di chiamare l'attenzione delle persone dietro al vetro dell'accettazione agitando la mano e alzando la voce, chiedendo la modalità di comunica dell'esito del tampone visto che erano sprovvisti dei miei contatti. Non ricevo alcuna risposta. Dieci persone (senza mascherine adatte e senza protezioni) erano aldilà del vetro e non hanno saputo/voluto rispondere. Ad oggi sono giustamente confinata in casa senza alcuna risposta riguardo l'esito del tampone, ho ancora tutti i sintomi e sono stata abbandonata da tutte le autorità. In questi due giorni ho chiamato tutti coloro che avrebbero potuto fornirmi una risposta ma non l'hanno fatto. Enti come la stessa azienda San Leonardo e l'Asl si danno la colpa a vicenda senza tirare fuori un ragno dal buco. La chiamata (tra le mille) più vergognosa che ho fatto è stata ad una centralinista dietro numero regionale per Coronavirus che alla mia domanda "come faccio a fare la spesa se sono 8 giorni che sono in isolamento?" ha risposto "e vabbè fai scendere tuo marito che se tu sei positiva non è detto che ce l'ha anche lui". VERGOGNA!!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

Torna su
SalernoToday è in caricamento