Covid-19, inizia la fase 2 ad Eboli: attivata l’Unità Specializzata di Continuità Assistenziale

Il sindaco Cariello: "Questa ulteriore modalità di gestione dell’epidemia da virus Covid-19 permette anche alla nostra città di tenere sempre alta l’attenzione su un virus invisibile che ancora nessuno ha debellato"

Entra nel vivo la fase 2 dell’emergenza Covid-19 ed è operativa anche l’Unità Specializzata di Continuità Assistenziale-Usca. Un presidio medico sanitario che va a rafforzare l’organizzazione già esistente per la gestione clinica e terapeutica domiciliare dei pazienti affetti o sospetti di infezione coronavirus.

Gli orari

Attiva 7 giorni su 7 in orario diurno 8-20, la Usca si coordina con i medici di medicina generale e con i pediatri di libera scelta del paziente adottando strategie coordinate sulla gestione clinica e terapeutica dei pazienti affetti o sospetti Covid109 di cui siano state attivate le segnalazioni (attraverso la scheda di Triage) all’operatore di Sanità Pubblica (Medico della Asl del Servizio di Epidemiologia e Prevenzione o preposto).

Il commento

Il sindaco Massimo Cariello spiega: “Interfacciandosi quotidianamente con l'Unità Operativa Prevenzione Collettiva del Distretto di Eboli, ai fini della condivisione e della gestione dei dati relativi ai casi positivi Covid-19, ai contatti stretti dei casi positivi, ai casi sospetti segnalati dai Mmg e Pls, la Usca è il valore aggiunto della importante rete sanitaria che ormai da oltre due mesi sta operando sul nostro territorio. Attiva anche ad Eboli, grazie al prezioso supporto dell’imprenditore ebolitano Angelo Cicalese che ha fornito gratuitamente la struttura mobile che ospiterà il personale sanitario, l’Unità Specializzata di Continuità Assistenziale-Usca si avvale della preziosa collaborazione dei volontari della Croce Rossa Italiana che sono anche parte integrante del Centro Operativo Comunale insieme alla Protezione Civile, alla struttura comunale, alle forze dell’ordine che operano sul territorio. Questa ulteriore modalità di gestione dell’epidemia da virus Covid-19 - conclude - permette anche alla nostra città di tenere sempre alta l’attenzione su un virus invisibile che ancora nessuno ha debellato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento