Coronavirus, i controlli del Nas al Ruggi: mancano mascherine e protezioni

Per fronteggiare l’emergenza sanitaria i vertici ospedalieri stanno pensando di coinvolgere anche l’ospedale “Da Procida” dove dovrebbero essere trasferiti gli eventuali pazienti affetti che non necessitano di Terapia Intensiva o di Rianimazione

Nuovo blitz dei Nas all’interno dell’azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno per i controlli scattati all’indomani dell’emergenza Coronavirus.

Le criticità

Nel corso del sopralluogo – riporta Cronache – sarebbero state riscontrate le stesse criticità emerse già nelle precedenti ispezioni. Nei reparti di Malattie Infettive, Pneumologia e Otorinolaringoiatria mancherebbero ancora i dispositivi di protezione individuale, a partire dalle mascherine, per il personale sanitario. Non sarebbe stata attivata, inoltre, una stanza di isolamento per eventuali persone infette dal virus.

Il "Da Procida"

Per fronteggiare l’emergenza sanitaria i vertici del Ruggi stanno pensando di coinvolgere anche l’ospedale “Da Procida” dove dovrebbero essere trasferiti gli eventuali pazienti affetti da coronavirus che non necessitano di Terapia Intensiva o di Rianimazione. Nel giro di poco tempo, infine, potrebbe essere allestito un vero e proprio reparto di "Terapia Intensiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento