menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La fuga continua - foto di Milanotoday

La fuga continua - foto di Milanotoday

Coronavirus: 49 casi nel salernitano, i cittadini fanno appello a De Luca per fermare i treni

Nuovi casi positivi a Caggiano e Polla. Intanto, presunti contagi a Cava e Nocera. Ecco cosa chiedono i salernitani a De Luca

Aumenta ancora, il numero dei contagi nel salernitano che attualmente è nel complesso a quota 49. Anche a Polla, risulta positiva una persona entrata in contatto con un appartenente al gruppo religioso riunitosi nelle scorse settimane del Vallo di Diano e del quale faceva parte anche l’anziano di Bellizzi morto. Tre, le persone contagiate anche a Caggiano, legate al gruppo neocatecumenale. Nel Vallo di Diano, insomma, 15 risultano i contagiati, di cui 10 di Sala Consilina ed una persona di Atena Lucana. Presso l'ospedale di Cava, intanto,  è stato posto in isolamento un cittadino con probabile esito positivo al Coronavirus. "Il paziente è in buone condizioni. - ha fatto sapere il sindaco Vincenzo Servalli- Si è messa in azione la procedura prevista dai protocolli e si seguono gli sviluppi della situazione. Non ci sono particolari motivi di preoccupazione. Proseguiamo nel rispetto delle indicazioni date e restiamo in casa con i nostri cari tranne che per motivi di lavoro, salute, necessità essenziali", ha concluso. Tra i casi sospetti, anche un uomo, proveviente da Boscotrecase, accolto all'ospedale di Nocera nella tendostruttura esterna, per gli accertamenti.

I nuovi contagi

Il dilemma trasporti

Come è noto, il Ministero delle infrastrutture e trasporti, alla luce del decreto firmato ieri dal ministro Paola De Micheli, relativo alla riduzione delle tratte ordinarie a lunga percorrenza, ha sospeso i treni notturni. L'obiettivo è "contrastare e contenere l'emergenza sanitaria da Coronavirus”. Tuttavia, come fanno notare molti salernitani, il problema non appare risolto.

Contagio a Pizzolano di Fisciano

Ecco la lettera di alcuni lettori al presidente De Luca:

Noi rispettiamo l'ordinanza e non abbandoniamo la nostra abitazione, se non per motivi di estrema necessità. Ma come possiamo sperare in un contenimento reale dei contagi, se Trenitalia, ogni giorno, continua a traghettare nella nostra città viaggiatori provenienti dalle zone rosse del Nord? Vista la drammatica situazione ed i casi in crescita, è tardi e non è, ad ogni modo, risolutivo, cancellare le corse notturne come è stato fatto: serve impedire alle persone di arrivare nella nostra città, salvo se per ragioni davvero non rinviabili, come possono essere quelle sanitarie.  I treni vanno bloccati, altrimenti noi "presunti sani" restiamo chiusi in casa, ma i potenziali vettori del Coronavirus continuano ad approdare in città: quanto può essere sensato tutto ciò?

Chiediamo al presidente De Luca di rivolgersi al Governo per far cancellare le fermate dei treni provenienti dal Nord in Campania, almeno fino a quando l'emergenza non rientri. La salute è più importante dell'economia: chiediamo al Governatore di aiutare Salerno e il resto della regione.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento