Covid-19 a Ricigliano, prete regala mascherine con santo e Madonna ai fedeli

Sono i dispositivi di protezione antivirus che la parrocchia San Pietro Apostolo ha commissionato a una ditta di tendaggi di Fisciano per donarli alla comunità

C’è l'immagine del santo patrono, Cristoforo, a destra, e quella della Madonna, a sinistra; sullo sfondo, l'azzurro cielo. Sono le mascherine antivirus che la parrocchia San Pietro Apostolo di Ricigliano, in provincia di Salerno, ha commissionato a una ditta di tendaggi di Fisciano per donarle alla comunità.

L'iniziativa

Oggi, sul sagrato della chiesa, il parroco, don Vincenzo Ruggiero, le distribuirà, una per famiglia. E, se non dovessero bastare, "ne faremo fare altre", dice. L'iniziativa nasce da una visione della Chiesa "come madre che ha a cuore la salute, non solo spirituale, ma anche fisica dei suoi fedeli", spiega il prete, rimarcando che "l'immagine di San Cristoforo, protettore della nostra comunita', e della Madonna, custodendo la nostra bocca, possa ispirarci pensieri, preghiere e sentimenti di speranza e non di paura per la pandemia in corso". Per don Vincenzo, "l'utilizzo di questi sistemi anti-contagio ci fa vivere una nuova forma di carità. Stare lontani, in questo momenti, è la vera carità da esercitare con le persone". Sui social della parrocchia, inoltre, il sacerdote invita a ritirare le mascherine, "ma senza creare assembramenti e confusione" perchè "la distribuzione continuerà pure sabato e domenica".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento