menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid-19, rimosso il coordinatore del PS: scoppia la polemica al "Ruggi"

Resta alta la tensione anche sulla prevenzione. La Cgil denuncia la carenza di dispositivi di protezione individuali ed oculare, cuffie, mascherine FFP3 e calzari, camici impermeabili

Tensione alle stelle all’azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno dov’è stato rimosso il coordinatore del Pronto Soccorso Rino Finamore. Alla base vi sarebbero dissidi interni per la mancata attivazione della tenda pre-triage, di percorsi dedicati e separati per i pazienti affetti da Covid-19,  per i tamponi che non sarebbero ancora stati effettuati sul personale sanitari oltre che per l’insufficienza delle mascherine di protezione per medici, paramedici e infermieri. A denunciarlo è la Cgil, che chiede l’immediato reintegro del suo delegato: “Non avremmo mai immaginato che la direzione di un importante presidio ospedaliero potesse agire di imperio nella sostituzione del coordinatore di un pronto soccorso durante una emergenza territoriale e nazionale – denuncia il sindacato in una lettera inviata al commissario straordinario Vincenzo D’Amato – Lo riteniamo un atto scellerato e assolutamente inaccettabile”.

La polemica

Carenza di dispositivi di protezione individuali ed oculare, cuffie, mascherine FFP3 e calzari, camici impermeabili: manca quasi tutto nei reparti dei presidi ospedalieri di competenza dell’azienda ospedaliera universitaria. A denunciarlo ai vertici aziendali è sempre la Fp Cgil Salerno con una nota a firma della Rsu aziendale, del segretario provinciale Pasquale Addesso e del segretario generale Antonio Capezzuto. “Il ripetersi di casi in cui pazienti inizialmente negativi sono risultati successivamente positivi al secondo tampone a distanza di qualche giorno – sostiene la Fp Cgil Salerno - evidenzia quanto sia delicato il trattamento dei casi a partire di quelli sospetti e pertanto risulta quantomai urgente fornire tutti gli operatori di dispositivi di mascherine FFP2/FFP3, e non delle sole consuete mascherine chirurgiche. Per questo - conclude la nota - chiediamo di intervenire con urgenza per garantire l’immediato approvvigionamento dei materiali necessari, così da soddisfare il fabbisogno dei presidi ospedalieri per le prossime settimane, decisive per il contrasto del contagio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento