Cronaca

Sentenze pilotate alla Commissione Tributaria: spuntano 10 mila euro per il "mediatore"

L'uomo, indagato per corruzione in atti giudiziari, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari al termine dell'interrogatorio in Procura

I militari del Nucleo di Polizia Economica Finanziaria del comando provinciale della Guardia di Finanza di Salerno hanno sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari,  un indagato,  a seguito di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Salerno. L’uomo in questione, infatti, è finito nel mirino della Procura per il reato di corruzione in atti giudiziari.

Le accuse

Dopo le dichiarazioni rese durante l’interrogatorio da due indagati - comunicano dalla Procura - sono stati “acquisiti gravi indizi di colpevolezza” riscontrati a suo carico anche da “acquisizioni documentali, inerenti altri due accordi corruttivi relativi a contenzioni tributari pendenti presso la Commissione Tributaria Regionale”. In particolare, l’indagato, mentre inizialmente aveva assunto il ruolo di “mediatore” per i ricorsi pendenti innanzi agli uffici della Commissione,  nelle ultime ore è risultato essere  “relatore delle pronunce illecite e , in quanto tale,  direttamente destinatario di due dazioni di 5 mila euro ciascuna”, ricevute in cambio della pronuncia favorevole al ricorrente per un valore complessivo di contenzioni pari a circa 1 milione di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sentenze pilotate alla Commissione Tributaria: spuntano 10 mila euro per il "mediatore"

SalernoToday è in caricamento