menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corteo studenti a difesa del clima, Caramanno: "Ne occorre uno al giorno"

L'assessore comunale all'ambiente, insieme al primo cittadino Enzo Napoli, ha partecipato alla manifestazione che ha coinvolto tutte le scuole salernitane. Cori e striscioni da piazza Portanova alla spiaggia di Santa Teresa

Cori, striscioni, colori e tanto impegno civico. Migliaia di studenti del capoluogo e della provincia hanno sfilato stamattina a Salerno, da piazza Portanova alla spiaggia di Santa Teresa, per manifestare a difesa del clima. E' il primo degli appuntamenti dell'anno scolastico, promosso dal gruppo di attivisti Fridays for future. La mobilitazione è sostenuta anche del Ministro Fioramonti che ha chiesto alle scuole di giustificare l'assenza e di non contare le ore perse dagli studenti ai fini del limite massimo delle assenze a scuola“.

Le istituzioni

Presenti tra gli altri il primo cittadino Enzo Napoli, l'assessore comunale all'ambiente Angelo Caramanno, i consiglieri Pessolano, Mondany, De Roberto, Massimiliano Natella. Presenti Scannapieco, Polverino. Il sindaco: "Un corteo sterminato, arriva fino a piazza della Concordia. Il lungomare è pieno di ragazzi per un'azione forte, alta, simbolica, che pesa come idee che gravano sulle scelte della politica e delle industrie. Queste azioni di giovani e giovanissimi valgono più di qualunque altra cosa, perchè di fatto conducono ad una inversione dei criteri del pensiero. Anche se non hanno poteri specifici, queste azioni hanno il potere di far cambiare le idee. Credo e spero che le cose vadano avanti, che la lotta permanga con fermezza, fino ad ottenere una serie di risultati. I Comuni possono fare piccoli gesti simbolici. Noi ora in Consiglio Comunale non useremo più la plastica ma stoviglie compostabili. E' la cosa minima, più semplice che si possa fare".

La situazione cittadina

"Ci vorrebbe un corteo al giorno - ha detto l'assessore comunale all'ambiente, Angelo Caramanno, presente in piazza insieme agli studenti - un corteo nelle nostre case, sui nostri balconi e pianerottoli, ballatoi, portoni, amministratori di condominio. Dovremmo manifestare contro quei signori che fanno fatica a sopportare i cattivi odori a casa e vanno a depositare i rifiuti nei cestini getta carte. Sono reduce da una manifestazione al parco Salid: ci sono bambini delle scuole elementari ai quali ho chiesto di aiutarci ad educare i genitori. Proprio lí , al Parco Salid, ieri ci è stato segnalato e abbiamo ritrovato un bidone pieno di cose strane. Come si fa? La sfida è tutta qui. Abbiamo fatto una campagna di sensibilizzazione un anno e mezzo fa. Attraverso "Facciamo piazza pulita" abbiamo provato a sensibilizzare". Ci sono, però, piccoli gesti ai quali il Comune potrebbe dare seguito: liberare i palazzi dalla plastica e utilizzare in strada vigili urbani con auto elettriche. "Bisogna cominciare dai palazzi e negli edifici pubblici dobbiamo cominciare a dare il buon esempio. E' la scommessa di domani. I segnali bisogna darli ma dobbiamo anche essere più attenti alle nostre cose".

Il video

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento