menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo maggio, bandiere colorate e slogan al corteo della Cisal: oltre 4 mila presenze

Il segretario generale Francesco Cavallaro ha detto: "Non è la festa del lavoro, ma la festa per il lavoro"

Un fiume di giovani, pensionati, semplici famiglie e sindacalisti. Ma anche vigili urbani e forze dell'ordine hanno sfilato questa mattina a Salerno, in occasione del corteo, organizzato dalla Cisal nazionale, per la Festa dei Lavoratori. La manifestazione, partita alle 9.30 da piazza Vittorio Veneto, è proseguita lungo Corso Vittorio Emanuele a suon di trombe, striscioni, slogan contro la disoccupazione e il precariato sociale. In prima fila, le organizzazioni sindacali della Cisal provenienti da tutta l'Italia, dal Nord al Sud della penisola, che quest'anno hanno scelto il secondo capoluogo campano per lanciare a livello nazionale un chiaro e forte segnale alle istituzioni, in particolare al Governo Renzi, sul "dramma lavoro", che, per colpa della crisi economica mondiale sta distruggendo l'economia del Paese e soprattutto nel Meridione.

Il segretario generale Francesco Cavallaro ha detto: "Non è la festa del lavoro, ma la festa per il lavoro. In Italia la disoccupazione arriva al 13% e quella giovanile al 41%. All'interno di questi dati, poi, si inserisce la percentuale del Sud che tocca il 60%". Mentre il segretario provinciale Giovanni Giudice: "C’è molto Mezzogiorno d’Italia qui oggi a Salerno e questo è significativo di quanto il problema sia sentito nel nostro territorio. Abbiamo una Metropolitana che non sappiamo quando e se potrà ripartire. Abbiamo un Aeroporto che non sappiamo se decollerà. Sul territorio ci sono tanti imprenditori con buona volontà, che hanno coraggio. Ma la spinta deve arrivare dalle Istituzioni".

Oltre 4mila, dunque, i partecipanti all'iniziativa: 87 gli autobus arrivati nel capoluogo di provincia. Il corteo ha sfilato sul corso cittadino accompagnato dal Gruppo Folk Internazionale di Angri, O’ Revotapopolo, che ha intonato da ‘Bella Ciao’ a ‘Fratelli d’Italia’. In piazza anche i tantissimi lavoratori della Ipervigile, Working e Ariete. A conclusione della manifestazione, visita guidata ai Templi di Paestum.

(Foto Dario Salzano)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento