Covid-19, il Tar di Strasburgo boccia l’obbligo delle mascherine all'aperto

Intanto sarà depositato a breve dinanzi al Tar del Lazio il ricorso del Codacons contro l’ordinanza della Regione Lazio

L’obbligo indiscriminato di indossare la mascherina all’aperto è già stato bocciato dai tribunali stranieri. E’ il caso del Tar di Strasburgo che, nei giorni scorsi, ha bocciato il decreto del prefetto del Basso Reno che ha imposto a Strasburgo e altri 12 Comuni del dipartimento l'uso obbligatorio della mascherina anche all'aperto. Nelle sue motivazioni – fanno sapere dal Codacons - il Tar ha sostenuto che il provvedimento deve essere rimodulato e differenziato, in quanto l’obbligo generalizzato di indossare le mascherine sempre e ovunque per tutti è “una grave violazione della libertà personale e di circolazione”.

Il ricorso 

Il Tar ha poi sottolineato come il nuovo provvedimento del prefetto dovrà escludere i Comuni e le fasce orarie che non sono caratterizzate “da una forte densità di popolazione” o da “circostanze locali suscettibili di favorire la diffusione” del coronavirus. Intanto sarà depositato a breve dinanzi al Tar del Lazio il ricorso del Codacons contro l’ordinanza della Regione Lazio che impone in modo indiscriminato l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto, ricorso che vede già un primo firmatario illustre: il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi.Tutti i cittadini possono aderire al ricorso collettivo, seguendo le istruzioni pubblicate sul sito www.codacons.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento