rotate-mobile
Cronaca

Covid-19: addio a Graziella Di Gasparro, il cordoglio dell'Anpi Salerno

È deceduta questo pomeriggio al centro anti covid di Maddaloni dove era ricoverata, a causa delle conseguenze del virus

Perse suo padre nella strage nazista ma, da allora, non ha mai smesso di combattere per ricordare quel 1 novembre 1943. Oggi, il coordinamento provinciale dell’Anpi Salerno piange la scomparsa di Graziella Di Gasparro, la Pasionaria di Conca della Campania.

La storia

Graziella, sopravvissuta al primo bombardamento da parte degli americani a Roma il 19 luglio 1943 e figlia di Giacomo una delle vittime della strage nazista del 1 novembre 1943 di Conca della Campania rastrellato e fucilato assieme ad altri 18 in via Faeta, ha perso la vita a causa del Covid. È deceduta questo pomeriggio al centro anti covid di Maddaloni dove era ricoverata, a causa delle conseguenze del virus. “Oggi è un giorno triste per l’Anpi Salerno che piange la scomparsa della Pasionaria, una donna che ha tramandato, fino all'ultimo giorno, quei valori antifascisti in cui tutti noi dobbiamo credere e portare avanti”, ha dichiarato Ubaldo Baldi, responsabile del coordinamento provinciale Anpi Salerno. Di Gasparro è stata la protagonista del film "Terra bruciata" di Luca Gianfrancesco sui crimini nazifascisti in Campania.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19: addio a Graziella Di Gasparro, il cordoglio dell'Anpi Salerno

SalernoToday è in caricamento